MotoGP 2016: centralina ECU e software Magneti Marelli per tutti i team

(getty images)
(getty images)

Il Mondiale 2015 di MotoGP sta per prendere il via con la prima gara in Qatar in programma dal 27 al 29 marzo e anche quest’anno ci sarà la divisione fra moto Factory e Open. I primi svilupperanno in proprio i loro software e Magneti Marelli fornirà una centralina ECU, le Open invece “monteranno dispositivi aggiuntivi”, come spiegato da Marco Venturi in un’intervista a Motorcycle Racer riportata sul sito ufficiale Motogp.com.

“Innanzitutto seguiremo da vicino i nuovi team della classe Open. Ma saremo comunque fornitori del Campionato MotoGP sotto due diversi aspetti; i team Factory svilupperanno internamente i loro software e a loro forniremo la centralina ECU. Le squadre Open monteranno altri dispositivi aggiuntivi; il pilota potrà infatti interagire con la strumentazione durante la guida – ha sottolineato Marco Venturi -, rivedere la programmazione della centralina, monitorare i dati in tempo reale, definire la frequenza con la quale ciascun parametro viene registrato
Il responsabile dell’azienda italiana Magneti Marelli anticipa alcune novità che riguarderanno la stagione 2016, l”anno zero’ della classe regina, dove tutti avranno una centralina unica: “Nel 2016 tutti i team utilizzeranno il nostro software così come la centralina ECU, il tutto sviluppato in collaborazione tra le Case e l’Organizzazione, ma ovviamente non potremo seguire le esigenze di ogni squadra – ha spiegato Marco Venturi -! Attualmente i team Factory possono decidere cosa, mentre per i team Open tutto è più ‘standard’”.

Ma in vista del prossimo Mondiale di MotoGP “presenteranno le loro richieste all’Organizzazione, che farà una selezione di tali richieste e deciderà quello che il nuovo sistema dovrà offrire e i relativi parametri richiesti. Potremo suggerire alcune piccole modifiche, ma elaboreremo il software in linea con i requisiti che l’Organizzatore ha stabilito in tema di Open, seppur con il contributo dei team Factory. Si tratta di una grande sfida per noi – ha aggiunto -, ma siamo soddisfatti del successo e del rapporto che abbiamo instaurato con l’Organizzazione e i team della MotoGP.”