Ferrari F1, Maurizio Arrivabene: “Non sarà semplice avvicinarsi alle Mercedes”

Maurizio Arrivabene Team Principal ferrari
Maurizio Arrivabene (getty images)

La Scuderia Ferrari parte con il piede giusto nelle prime prove libere del GP d’Australia, piazzandosi subito alle spalle delle invincibili Mercedes di Nico Rosberg e Lewis Hamilton. Nei box della Rossa regna un’atmosfera di serenità dopo il day 1 sul circuito Albert Park di Melbourne, pur consapevoli che si tratta solo della prima apparizione ufficiale e che si dovrà lavorare ancora a lungo per raggiungere il vertice.

Il Team Principal Maurizio Arrivabene cerca di tenere compatto il gruppo durante la tradizionale conferenza stampa, premessa indispensabile per mirare ad alti traguardi: “Abbiamo lavorato molto insieme ai ragazzi e ho detto molte volte che dobbiamo essere uniti per un obbiettivo comune per lavorare concentrati con i piedi per terra – ha detto in una dichiarazione riportata sul sito ufficiale Ferrari.com -. E non voglio più sentire più parlare di motore, telaio o qualunque altra persona, se perdiamo lo facciamo insieme e se vinceremo lo faremo insieme, questo è il mio mantra, quello che ho detto al team e li ho visti calmi, impegnati e motivati, e questo è importante per me”.

I risultati richiedono tempo prima di essere raggiunti, ma per il Circus la presenza della Ferrari è indispensabile e Maurizio Arrivabene lavora sodo per riportare il team di Maranello al ruolo che più gli  compete: “Abbiamo chiuso la stagione l’anno scorso in quarta posizione. Per pensare alla prima, devi prima superare le persone che ti stanno davanti. Poi, se saremo in grado di arrivarci, credo che loro combatteranno per impedire che noi ci avviciniamo troppo”.

Ma l’ostacolo più grande, in attesa di un cambio di regolamento, si chiama Mercedes, “ma dobbiamo andare passo dopo passo e dobbiamo cercare di fare del nostro meglio per avvicinarci ai ragazzi di Toto il prima possibile e non sarà semplice assolutamente”.