Touring Superleggera Berlinetta Lusso: una fuoriserie da sogno al Salone di Ginevra

Touring Superleggera Berlinetta Lusso (foto Twitter)
Touring Superleggera Berlinetta Lusso (foto Twitter)

 

 

Per il momento è solo un esercizio di stile, ma secondo “voci di scuderia” già si lavora a una limitatissima produzione di serie. E, a giudicare dall’apprezzamento ricevuto al Salone di Ginevra, gli amanti delle auto di prestigio disposti a spendere parecchie migliaia di euro per accaparrarsi la Berlinetta Lusso by Touring Superleggera non mancherebbero.

 

Un gioiellino per pochi

L’esclusiva coupé a due posti secchi presentata al prestigioso evento ginevrino nasce dalla passione di un collezionista Ferrari che ha chiesto a Touring Superleggera di disegnare per lui un’auto di gran lusso, a tre volumi, basata sulla propria F12. Come da tradizione, vanta una carrozzeria battuta e rifinita a mano, secondo un laborioso processo che si dipana nell’arco di ben 5.000 ore.

Il colore – realizzato su richiesta – è unico: l'”azzurro Nioulargue”, un blu chiaro metallizzato che richiama il colore del mare di Saint-Tropez. Gli interni, ispirati naturalmente allo stile esterno, sono in pelle blu scuro e panna, con eleganti sedili in pelle. C’è anche un bagagliaio impercettibile nelle linee esterne, ma adeguato alle necessità. In generale, la linea si ispira all’indimenticabile Ferrari 166 MM spider e berlinetta.

Ma il “pezzo forte” della Berlinetta Lusso è senz’altro il motore: il gioiellino ospita infatti sotto il cofano un 6.3 V12 da 741 CV e 690 Nm di coppia che le assicura una velocità massima di 341 km/h. La trazione è posteriore e il potente propulsore è abbinato a un cambio sequenziale elettroattuato a 7 velocità con paddle-shift e modalità automatica. I cerchi, in alluminio forgiato, sono da 20”, con pneumatici Michelin Super Pilot.

Il prezzo è ovviamente su richiesta. Quanto alla messa in cantiere produttivo, si vocifera di una serie limitata a cinque esemplari. Chi fosse interessato non perda tempo…