F1, Lewis Hamilton: “Grazie Mercedes, sono più forte rispetto al 2014”

Lewis Hamilton (Getty Images)
Lewis Hamilton (Getty Images)

Lewis Hamilton per il Mondiale 2015 di Formula1 ha come obiettivo quello di confermarsi come campione del mondo e di aggiudicarsi così il suo terzo titolo in carriera, raggiungendo lo stesso numero di trionfi iridati del suo idolo Ayrton Senna.

L’inglese ha rilasciato alcune dichiarazioni al sito ufficiale della Mercedes per esprimere le sue sensazioni a pochi giorni dall’inizio del week-end del Gran Premio di Melbourne (Australia), gara inaugurale del campionato: “A questo punto dell’anno non si sa cosa sentire come pilota. Sei impaziente di tornare a correre, ma allo stesso tempo non sai cosa ti porterà la nuova stagione. I test danno un’idea di base sulle condizioni della monoposto e io so che il team ha lavorato duramente tutto l’inverno. E’ stato bello vedere la fabbrica prima di partire per Melbourne. Sono grato per il lavoro che fanno e voglio dimostrarlo in pista”.

Lewis Hamilton è convinto che la Mercedes non dominerà facilmente come avvenuto invece nello scorso Mondiale: “Tutti vogliono ripetersi, ma gli altri no si limiteranno a inseguire. Sono sicuro che la concorrenza sarà vicina e sarà emozionante lottare per la posizione, anche perché è quello che mi piace fare e che i tifosi amano guardare. Ci sono tanti buoni piloti e tutti vogliono vincere. Devi solo volerlo più di loro”.

Il tre volte campione del mondo è molto carico e si sente pronto a dare battaglia per confermarsi il numero 1 della Formula1: “Mi sento fresco, in forma, rilassato e positivo. Penso che un pilota diventi più forte ogni stagione e ho intenzione di essere migliore rispetto all’anno scorso”.

Un Lewis Hamilton molto determinato dunque. Consapevole dei propri mezzi a disposizione, ma rispettoso anche nei confronti degli altri team nonostante le indiscrezioni rivelino che la Mercedes è ancora nettamente davanti a tutti. Il suo primo rivale per il titolo sarà il compagno Nico Rosberg, ma la speranza è che la lotta comprenda più piloti e che assisteremo ad un campionato emozionante.