F1, Bernie Ecclestone: “Michael Schumacher? Più logico un incidente in gara che sugli sci

Bernie Ecclestone
Bernie Ecclestone (getty images)

Inizia il conto alla rovescia per l’inizio del Mondiale 2015 di Formula 1 e c’è grande attesa per vedere il grado di competitività della Ferrari SF15-T dopo le prime buone uscite pre-campionato. Il boss del Circus non nasconde che il vantaggio della Mercedes è ancora troppo grande rispetto agli avversari, ma spera di poter rivedere quanto prima una Ferrari competitiva come ai tempi di Michael Schumacher.

La scuderia tedesca resta ancora “un passo avanti”, ma il team di Maranello ha fatto evidenti passi avanti e potrebbe dare del filo da torcere alle Frecce d’Argento in questo Mondiale. Sebastian Vettel, quattro volte campione del mondo, ha deciso di lasciare la Red Bull per abbracciare in toto un nuovo e avventuroso progetto che sappia dare soddisfazioni a tifosi e addetti ai lavori come ai tempi di Michael Schumacher e Jean Todt.

“Spero che Sebastian in grado di fornire una struttura come ai tempi di Todt e Schumacher – ha detto Bernie Ecclestone in un’intervista al giornale tedesco Die Welt -. Michael Schumacher ha portato la Ferrari nella storia. Non credo che Sebastian sia in questa posizione. Sergio Marchionne crede di poter portare la squadra di nuovo al top. Spero che sia così, per lui, la Ferrari, la Formula 1 e Sebastian”.
Per quanto riguarda Michael Schumacher Ecclestone ritiene una disgrazia quanto successo al sette volte campione del mondo di Formula 1: “Io non so niente del suo stato di salute attuale. Questo può sembrare strano, ma quando si è già in questo stato pietoso deplorevole sarebbe stato più logico se un incidente fosse accaduto in gara, invece che sugli sci. Questa è la tragedia di questa storia – ha aggiunto il boss del Circus -. Ha avuto un sacco di infortuni e ha preso un sacco di altri rischi. Se gli fosse successo qualcosa sarebbe stato più normale. Ma così? Non era nemmeno una gara di sci…”.