Fiat Chrysler, incassi da 60 milioni per Sergio Marchionne nel 2014

Sergio Marchionne
Sergio Marchionne (getty images)

E’ stato un 2014 molto ricco per Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fiat Chrysler. Il Fatto Quotidiano, citando cifre emerse dai documenti presentati da FCA alla SEC (la Consob degli Stati Uniti), rivela infatti che il noto dirigente dal gruppo ha ricevuto oltre 6.6 milioni di euro di stipendio (2,5 milioni di retribuzione, 4 di incentivo legato alla performance annuale e 111.410 a titolo di “altre compensazioni“), 24.7 milioni di premio per l’avvenuta fusione tra la casa automobilistica italiana e quella statunitense, 12 milioni di una tantum da esercitare quando lascerà la carica e uno stock grant (il diritto di ricevere gratuitamente titoli del gruppo) da 1,62 milioni di azioni, che secondo le quotazioni attuali valgono circa 23 milioni. Tra soldi effettivamente incassati e pagamenti differiti si arriva dunque a quasi 60 milioni di euro.

Si parla dunque di numeri importanti e sicuramente il dato più rilevante riguarda i 24.7 milioni derivanti dall’aver completato l’acquisto di Chrysler e averla fusa con Fiat. Una grande operazione sia sul piano economico che industriale per rilanciare definitivamente i due marchi.

Nel rapporto annuale consegnato alla SEC da parte di FCA il denaro sborsato per remunerare Sergio Marchionne viene così motivato e giustificato spiegandone l’importanza della figura: “E’ centrale nell’esecuzione della nuova direzione strategica e nell’attuazione del piano industriale, è stato strumentale per i maggiori risultati strategici e finanziari del gruppo e con la sua visione e la sua guida è stata creata Fca, con un enorme valore per la società, i suoi azionisti, dipendenti e stakeholder”.

L’amministratore delegato del gruppo italo-americano viene considerato fondamentale. Si legge ancora: “Se dovessimo perdere i suoi servizi o quelli di altri manager o dipendenti chiave, ciò potrebbe avere effetti avversi materiali sulle nostre prospettive di business, guadagni e posizione finanziaria”. Parole al miele per elogiare il suo operato. Sergio Marchionne ha comunque dichiarato di voler rimanere in carica fino al 2018, poi si vedrà.

Per quanto concerne le altre figure importanti di FCA si segnala invece che John Elkann ha ricevuto complessivamente oltre 1.68 milioni di euro, mentre Luca Cordero di Montezemolo (sostituito proprio da Sergio Marchionne come presidente della Ferrari) nel 2014 ha guadagnato poco più di 2 milioni di euro.