F1, Lewis Hamilton: “Nico Rosberg? Mi diverte di più lottare con altri piloti”

Lewis Hamilton (Getty Images)
Lewis Hamilton (Getty Images)

Lewis Hamilton è il campione del mondo in carica della Formula1 ed è dunque l’uomo da battere con la sua formidabile Mercedes. Il suo primo rivale sarà il compagno di squadra Nico Rosberg, secondo classificato nel campionato 2014 e in lizza fino all’ultima gara per vincere il titolo.

Nell’intervista concessa alla ESPN alla domanda relativa ai rapporti con il tedesco ha così risposto: “Abbiamo avuto un sacco di gare lo scorso anno durante le quali abbiamo fatto molto bene e abbiamo intenzione di fare la stessa cosa per far vincere la squadra. Non ci siamo seduti a discutere dello scorso anno. Penso solo che abbiamo imparato molto da quello che è successo e quindi non c’è più bisogno di discuterne”.

 

Lewis Hamilton parla del Mondiale 2015 di Formula1

Il pilota britannico per quanto riguarda il prossimo campionato, che prenderà il via a Melbourne in Australia, ha espresso la propria preferenze per il lottare contro piloti di altre squadre e non con Nico Rosberg per la vittoria finale: “E’ più eccitante quando si lotta con un altro team. Quando ero piccolo e guardavo la F1, mi divertivo molto quando vedevo due squadre che lottavano far di loro. Sicuramente è interessante nel momento in cui c’è un confronto interno in un team, ma è comunque diverso da quando ci sono più vetture che se la giocano”. A Lewis Hamilton non dispiacerebbe dunque trovarsi protagonista di un duello come quello avvenuto nel 2008 con Felipe Massa della Ferrari e che lo vide trionfare nella classifica mondiale all’ultima gara in Brasile quando correva con la McLaren e vinse il suo primo titolo iridato in carriera.

Infine Lewis Hamilton ha parlato del suo approccio alla nuova stagione e della preparazione fisica invernale per poterla affrontare al meglio: “Mi sono mantenuto sulla stessa linea dei precedenti campionati, l’unica differenza è che questa volta in occasione della prima giornata di test a Barcellona non sono stato bene”.