Fernando Alonso aveva perso la memoria: “Corro sui kart, voglio andare in F1”

Fernando Alonso (Getty Images)
Fernando Alonso (Getty Images)

Emergono dettagli scioccanti che riguardano l’incidente di Fernando Alonso. Il quotidiano iberico El Pais rivela infatti che, negli attimi successivi al botto avvenuto nei test di Barcellona il 22 febbraio, le prime parole pronunciate dal pilota della McLaren ai medici che lo avevano preso in cura sarebbero state le seguenti: “Sono Fernando, corro sui kart e vorrei diventare un pilota di Formula 1”.

Un evidente stato di perdita della memoria che avrebbe cancellato dalla mente dell’asturiano tutta la sua carriera in F1 facendolo tornare indietro al 1995. Questo stato di memoria parziale è durato per qualche giorno, poi già nell’arco di una settimana Fernando Alonso ha cominciato a ricordare tutto quanto.

I dottori hanno escluso lesioni cerebrali, ma per precauzione il pilota della McLaren salterà il Gran Premio di Melbourne. Si sta comunque allenando per tornare in forma al più presto e poter prendere il via a Sepang il 29 marzo.

Rimane comunque ancora il dubbio sulla causa dell’incidente di Fernando Alonso. Si fa sempre più larga l’ipotesi di un problema tecnico alla monoposto. Nello specifico di una scossa elettrica che la MP4-30 avrebbe scaricato sullo spagnolo. E’ la tesi sostenuta anche da Fabrizio Barbazza, ex pilota di F1, che tramite il proprio profilo Facebook si dice sicuro che a causare il tutto sia stata una scarica da 600 watt, ma che dire questa verità nell’ambiente non si può. Ci potrebbero infatti essere conseguenze importanti.  Soprattutto per la McLaren, che sta facendo di tutto per nascondere la realtà dei fatti e che finora ha ufficialmente dichiarato che l’episodio è stato provocato dall’eccesso di vento in quel punto della pista dove stava transitando il nativo di Oviedo. Una versione che non ha convinto quasi nessuno e molti testimoni giurano che la situazione ambientale non fosse quella descritta dal team inglese e che la velocità di percorrenza non fosse elevata.