F1, Fernando Alonso: “Non voglio rischiare un secondo impatto in poco tempo”

Fernando Alonso
Fernando Alonso (getty images)

Dopo l’incidente rimediato lo scorso 22 febbraio durante i test invernali al Montmelò si è fatto un gran parlare di Fernando Alonso, costretto a tre giorni di ospedale per accertamenti, fino all’annuncio ufficiale di quest’oggi che dovrà saltare il primo Gran Premio in Australia.

Una notizia che circolava nell’aria da giorni ma che ha trovato conferma dopo il comunicato del team McLaren-Honda. Ma restano ancora seri dubbi sulle reali cause che hanno che abbiano potuto causare il violento impatto.

Il pilota spagnolo è in buone condizioni di salute, ma secondo i medici dovrà attendere ancora un po’ prima di rimettersi al volante della sua monoposto, a causa della commozione cerebrale riportata sul circuito catalano. Ma subito dopo la notizia del suo rinuncio al primo Gran Premio sono trapelati ulteriori dettagli sul dopo incidente che però non sono stati confermati e probabilmente mai verranno confermati.

Secondo quanto riporta il giornale tedesco ‘Bild’ Fernando Alonso, in evidente stato confusionale dopo l’impatto, avrebbe parlato italiano convinto di essere ancora alla Ferrari. Segno evidenti di una commozione cerebrale, ma che infittiscono il mistero sulle cause dell’incidente. Il suo rientro in pista è previsto per il 29 marzo a Sepang.

Intanto dal suo profilo Twitter il driver di Oviedo ringrazia e saluta tutti i suoi tifosi, ma è evidente il suo rammarico per dover saltare la gara d’apertura: “E’ difficile non andare in Australia, ma non voglio rischiare un secondo impatto in così poco tempo”.