MotoGP 2015, Jack Miller: “Piloti più esperti sono alle mie spalle”

Jack Miller
Jack Miller (getty images)

Il rookie Jack Miller ha portato a termine i lavori previsti per la seconda sessione di Test a Sepang, dove ha avuto modo migliorare il feeling con la sua Honda RC213V-RS Open Spec. Il giovane pilota australiano ha chiuso al 22esimo posto con il tempo di 2’01″593 con le gomme morbide, segno che sarà di certo un anno di pieno apprendimento prima di poter ambire ai vertici di classifica.

Ma Jack Miller ha mostrato di avere la stoffa del campione passando dalla Moto3 alla MotoGP senza troppi problemi e adesso sarà importante girare su un’altra pista per capire fin dove può alzare l’asticella in vista della prima tappa in Qatar.

“Sono molto contento di come è andato questo test perché abbiamo lavorato sodo sulla moto e io ho lavorato parecchio su me stesso per fare la moto un po’ più mia – ha spiegato in una nota ufficiale -. Non siamo così lontani. Sono il secondo rookie nella classifica e ne sono entusiasta perché ho piloti più esperti alle mie spalle e questo vuol dire che abbiamo lavorato bene”.

Ma il suo compagno di squadra nel day 3 è stato strepitoso chiudendo in terza posizione a poco più di mezzo secondo dal leader Marc Marquez: “Senza dubbio non siamo veloci come vorremmo ancora… in più gli altri stanno spingendo molto, basta vedere Cal che ha fatto un gran tempo oggi, ma tutto sommato i progressi ci sono stati. Se devo essere sincero sono un po’ stufo di Sepang (ci sono stato 3 volte negli ultimi 4 mesi) e non vedo l’ora di andare in Qatar per mettermi alla prova su un tracciato diverso”, ha concluso Jack Miller.