Test MotoGP, Andrea Iannone: “La nuova Ducati GP15 è migliore, è solo il primo giorno”

foto Twitter
foto Twitter

La nuova Ducati Desmosedici GP15, presentata a Borgo Panigale appena una settimana fa, ha fatto il suo debutto stagionale in pista sul tracciato di Sepang, alternandosi ancora con la vecchia GP14.3 per alcuni test MotoGP comparativi.

La pioggia e la pista bagnata hanno ostacolato i lavori del team italiano, supportato non solo dai piloti ufficiali Andrea Iannone e Andrea Dovizioso, ma anche dal tester Michele Pirro, al fine di accelerare la raccolta dati utili per lo sviluppo della moto in vista del primo Gran Premio in Qatar (29 marzo).

 

La nuova moto alla ricerca del migliore set-up

Stamane Andrea Iannone ha effettuato il primo giorno di test sulla nuova GP15, concludendo in 15esima posizione con il suo miglior tempo in 2’02″142, due secondi più lento rispetto ai primi test di inizio febbraio. Ma il pilota abruzzese sembra soddisfatto della nuova Ducati”.

“Non è andata così male. Ho un buon feeling con la nuova moto, ma non ho guidato molto oggi – ha dichiarato Iannone, come riportato da Speedweek.com -. Al mattino ho avuto un problema tecnico con la GP14.3, quindi sono saltato in sella sulla GP15 prima del previsto”… La prima sensazione è stata molto buona. La moto è molto agile, sembra a portata di mano, si comporta molto meglio nei cambi di direzione. Ora dobbiamo iniziare con il set-up”.

Al momento ogni giudizio sembra affrettato e al termine della tre giorni di test probabilmente avremo le idee un po’ più chiare sulle reali potenzialità della Rossa di Borgo Panigale e sulle migliorie rispetto alla moto del Motomondiale 2014: “Non posso fare paragoni con Honda e Yamaha, perché sono sempre stato nella MotoGP Ducati – ha proseguito Andrea Iannone -. Ducati è stata notevolmente migliorata nel 2014, l’anno prima ogni parte è stata modificata. La nuova GP15 è certamente migliore, ma non siamo in grado di valutare adeguatamente il potenziale in un solo giorno. La GP15 è una evoluzione, solo una piccola rivoluzione. Non ho spinto al 100 per cento. Così che io possa dare un giudizio migliore il martedì o mercoledì “.