Brivido Superbike: incidente di David Salom a 220 km/h, pilota è cosciente (VIDEO)

David Salom
David Salom (getty images)

Durante la sessione 2 della Superpole sul circuito di Phillip Island David Salom ha rimediato una brutta caduta tra la curva 11 e la curva 12, perdendo il controllo della sua Kawasaki Ninja e sbattendo prima contro l’asfalto, poi sulla ghiaia. Il volo dalla moto si è protratto per decine di metri.

Il pilota maiorchino del team Pedercini ha perso conoscenza al primo impatto ed è stato subito trasferito al Centro Medico del circuito australiano, dove poco dopo i medici hanno reso noto che David Salom era cosciente e muoveva braccia e gambe, pur necessitando di un ulteriore controllo all’ospedale di Melbourne, dove è stata eseguita una Tac per accertare definitivamente le sue condizioni fisiche.

Per gli spettatori presenti all’autodromo e quelli in tv la caduta è inizialmente sembrata gravissima, in molti hanno subito pensato al peggio e, d’altronde, l’atleta 30enne viaggiava ad una velocità di 220 km/h, nella curva più veloce dell’intero tracciato. Ma i medici hanno subito rassicurato: “Respira e c’è regolare mobilità a gambe e braccia”.

Fortunatamente durante la caduta il corpo di David Salom è rimasto in tensione e non ha riportato danni alla spina dorsale. Alle presenza dei medici era cosciente ed è riuscito a spiegare l’accaduto nei minimi dettagli. Inoltre il pilota ha chiesto di non essere trasferito in ospedale, ma il regolamento degli ultimi anni è inflessibile e dinanzi a certe cadute c’è l’obbligo di approfondire eventuali danni. Infine da sottolineare che in questo week-end si sono registrate numerose cadute: stamane anche il veterano Troy Bayliss sulla Ducati ha rimediato una scivolata senza conseguenze, mentre Davide Giugliano ha dovuto dare forfait già dal primo giorno. Quasi certamente anche David Salom potrebbe saltare la gara di domani.