SBK, Troy Bayliss: “Pian piano arriveremo al traguardo”

Troy Bayliss (Getty Images)
Troy Bayliss (Getty Images)

 

Se la dichiarazione non provenisse da un’autentica leggenda del motociclismo, ma “solo” dal 18° pilota in classifica nelle prime prove libere del Mondiale Superbike, quasi si stenterebbe a prenderla sul serio: “C’è ancora molto lavoro da fare ovviamente, ma pian piano stiamo arrivando”, ha affermato Troy Bayliss, il tre volte campione del mondo che questo weekend giocherà in casa sulla pista di Phillip Island con il team Ducati in sostituzione di Davide Giugliano.

 

Il Grande Ritorno

Al mattino Bayliss, che a 46 anni torna a cimentarsi sulle derivate di serie per la prima volta dal suo ritiro del 2008, è riuscito a compiere solo tre giri prima di accusare un problema tecnico che gli ha impedito di rientrare in pista. Nel pomeriggio, però, tutto è stato risolto e l’australiano è riuscito a mettere insieme altri 16 giri, addirittura migliorando il suo tempo…

“Abbiamo perso tutta la sessione della mattina a causa di un problema tecnico ed è stato un vero peccato – ha raccontato Bayliss a Crash.net al termine della prova -. Oggi pomeriggio abbiamo potuto compiere dei progressi e ho cominciato a sentirmi più a mio agio sulla moto”.

Il tempo sua disposizione per prendere confidenza con la Ducati 1199 Panigale R è molto poco, ma Bayliss si sta pian piano riabituando al mezzo: “Non ho ancora la necessaria fiducia con il posteriore al massimo della piega e la moto tende a scivolare, ma sono sicuro che è una cosa che potremo risolvere domani – scandisce -. Posso affermare che stiamo decisamente facendo progressi”.

Insomma, Bayliss è convinto di essere partito con il piede giusto. “Naturalmente domani ci sarà ancora molto lavoro da fare, ma pian piano arriveremo al traguardo. La cosa importante è che mi sto divertendo molto – conclude – e, tutto sommato, sono felice visto che oggi sono potuto restare poco in pista”.