Moto3, Fabio Quartararo: “Ringrazio Estrella Galicia, abbiamo fatto un buon lavoro”

Fabio Quartararo
foto Facebook

Fabio Quartararo è un pilota di 16 anni che quest’anno debutta in Moto3 dopo aver vinto nel 2013 e 2014 il CEV Moto3 Championship, diventando il più giovane campione della predetta categoria, un record che lo proietta, secondo molti, sulle orme di Marc Marquez…

Il giovane rider francese da quest’anno è arruolato tra le file del team Estrella Galicia 0,0 e il suo debutto stagionale nei test pre-campionato fa già immaginare una gloriosa stagione.

 

Il pilota francese sulle orme di Marc Marquez?

Fabio Quartararo dal secondo giorno di test collettivi è balzato in testa alla classifica ed ha concluso al primo posto in quella dei tempi combinati, segnando il miglior giro in 1’45″580, oltre mezzo secondo in meno rispetto alla pole position conquistata da Jack Miller nel 2014.

Numeri da capogiro che fanno ben sperare il team e i suoi tifosi: “Sono molto contento del lavoro che abbiamo fatto in questi tre giorni di test a Jerez, dove il tempo ci ha rispettato, più che a Valencia. Il primo giorno, come il resto, ci siamo concentrati a lavorare sul set-up della moto – ha spiegato il francese in una nota ufficiale -. Questo giorno è stato molto positivo per il team, ci siamo concentrati sul lavoro e in vista della prima gara della Coppa del Mondo in Qatar e sono molto soddisfatto dei risultati. Devo ringraziare tutta la squadra, perché abbiamo lavorato molto bene”.

Il suo compagno di squadra Jorge Navarro ha chiuso i test di Jerez al sesto posto nella classifica combinata dei tempi, con il suo miglior giro in 1’46″338: “Questi tre giorni sono stati molto positivi per noi, dal momento che il bel tempo ci ha permesso di effettuare molti giri e provare molte cose sulla moto. Personalmente ho focalizzato l’attenzione sulla ricerca del mio ritmo, senza l’utilizzo di scia o riferimenti, perché quello che volevamo era quello di analizzare il comportamento della moto ad ogni cambiamento che abbiamo fatto. La verità è che abbiamo trovato una base abbastanza buona – ha spiegato navarro -, ma abbiamo ancora del lavoro da fare con le gomme usurate. Sappiamo i punti dove abbiamo bisogno di migliorare, sia sulla moto sia sulla mia guida, e il prossimo allenamento speriamo di essere preparati”.