Moto2, Franco Morbidelli: “Bello risalire in sella dopo tanta inattività”

Franco Morbidelli
Franco Morbidelli (getty images)

Il team Italtrans di Moto2 ha esordito in questa stagione 2015 sul circuito di Valencia, ma il maltempo ha frenato la tre giorni di test che sarebbe stata indispensabile per rodare i meccanismi di relazione e di lavoro. Ai piloti Mika Kallio e Franco Morbidelli non resta che trasferirsi a Jerez de la Frontera per organizzare al meglio la seconda sessione di test pre-campionato in programma la prossima settimana.

“E’ la prima sessione 2015 con la squadra al completo; i tempi hanno poco significato e, piuttosto, mi è piaciuto constatare la grande sintonia tra tecnici e piloti – ha dichiarato il Team Manager Luigi Pansera -. Mi aspetto che pian pino (e spero che il piano sia in realtà rapido) la squadra trovi ritmi che le consentano di collocarsi là dove merita. Kallio, da quell’ottimo professionista che è, ha girato l’ultimo giorno in condizioni difficili e con una situazione fisica debilitata dall’influenza: molto bravo”.

Buon esordio anche da parte del 20enne pilota romano Franco Morbidelli che ha chiuso con il crono di 1’35″813: “Il primo giorno per me era importante sentire il giusto feeling con la moto, prendendo confidenza con la versione 2015. Dopo tanta inattività, risalire in sella e riassaporare la velocità è sempre bello. E’ stata anche la prima occasione di sottoporre a test il braccio, dopo la frattura al polso dell’inverno. Primo giorno abbastanza bene, diverse prove, abbiamo raccolto dati importanti e sappiamo in che direzione lavorare. Poi è arrivata la pioggia – ha sottolineato Franco Morbidelli -, ma abbiamo approfittato anche di quella per un paio di assaggi sul bagnato. Mi sono trovato bene, e ne sono contento. Il terzo giorno, ci siamo preparati per Jerez”.