Swissleaks: l’avvocato di Valentino Rossi fa chiarezza

(Getty Images)
(Getty Images)

 

Come già riportato da Tuttomotoriweb, l’inchiesta “mostre” del quotidiano francese Le Monde (condotta in collaborazione con altre 60 testate del consorzio Icij, tra cui il settimanale l’Espresso) sul sistema di evasione fiscale di scala mondiale, meglio nota come Swissleaks, coinvolgerebbe 100.000 persone, tra cui molti italiani: si parla di circa 7.500 nostri connazionali. Il “terremoto” che sta facendo tremare i banchieri (e non solo) di mezzo mondo ha come epicentro la filiale svizzera della banca Hsbc.

 

La controversia sui conti esteri

Nelle ultime ore molti quotidiani hanno segnalato i nomi dei “vip” più in vista che figurerebbero nella cosiddetta Lista Falciani, tra cui Valentino Rossi, Flavio Briatore e lo stilista Valentino Garavani. La notizie ovviamente non è passata inosservata, data l’entità delle cifre in ballo: circa 180 miliardi di euro sarebbero infatti passati da Ginevra tra il 2006 e il 2007 per eludere il Fisco.

Come ricorda l’Espresso, Valentino Rossi ha avuto in passato i suoi guai con l’erario, che si intreccerebbero con le vicende della banca elvetica. I sospetti sulla sua residenza londinese hanno dato origine a un procedimento per evasione, aperto nel 2008 e conclusosi con un accordo. Alla Hsbc – riferisce il settimanale – il Dottore ha accantonato le sue risorse nel 2003 dietro il conto numerato “Kikiki 62”: 23,9 milioni di dollari.

Il suo avvocato Claudio Sanchioni ha però precisato, a colloquio con gli autori dell’inchiesta, che sborsando 30 milioni di euro Valentino ha definito ogni controversia su conti esteri. Nelle note compilate dai funzionari di Ginevra si viene inoltre a conoscenza delle tendenze finanziarie del Pesarese. Il padre, Graziano Rossi, che è anche procuratore di “Kikiki 62”, attesta che Valentino ha una “preferenza per investimenti conservativi”. Come dire: spericolato in pista, ma prudente in affari.

Resta da vedere se il chiarimento sarà sufficiente a placare le polemiche che già infuriano sui media…