F1, Nico Rosberg: “Ho lavorato perfino sulla respirazione per battere Lewis Hamilton”

Nico Rosberg (Getty Images)
Nico Rosberg (Getty Images)

Il Mondiale 2014 d Formula1 ha rappresentato una cocente delusione per Nico Rosberg. Dopo aver cullato il sogno di poter vincere il titolo iridato, si è dovuto arrendere di fronte alla maggiore bravura del compagno Lewis Hamilton accontentandosi del secondo posto in classifica.

Era la prima volta che il tedesco combatteva per ottenere il trionfo finale del campionato e dunque aver avuto questa chance in parte lo soddisfa, ma si sa che quando sei ad un passo dal traguardo e tutto sfuma la delusione è enorme. Il figlio d’arte sembra essersi già messo alle spalle la passata stagione ed è pronto a dare battaglia nel 2015.

 

Nico Rosberg vuole sconfiggere Lewis Hamilton nel 2015

La stagione 2015 è già cominciata con i primi test di Jerez de la Frontera che hanno visto la Mercedes macinare una serie impressionante di giri con entrambi i piloti dimostrandosi una monoposto molto affidabile. Il team non si è concentrato sui tempi nel giro singolo, ma sui long-run e ha dato l’impressione di essere ancora più avanti di tutti e di poter dominare anche il prossimo Mondiale.

La sfida per la vittoria del titolo potrebbe essere ancora una questione interna alla scuderia di Stoccarda, ma questa volta Nico Rosberg vuole farsi trovare più preparato per battere Lewis Hamilton. Durante l’inverno ha lavorato molto, sempre con questo obiettivo nel mirino e conta di vincere la propria sfida. Nell’intervista concessa alla ESPN ha spiegato i suoi obiettivi e come intende raggiungerli: “Voglio diventare un pilota ancora migliore quest’anno. È il mio obiettivo: è una grande sfida spingere e migliorarsi ogni volta che si va in pista. Ho provato a ripartire nel miglior modo possibile sin dal primo istante dopo la gara di Abu Dhabi dello scorso anno e durante l’inverno ho imparato alcune cose”.

Il pilota racconta un aspetto sul quale ha lavorato molto al fine di fare progressi: “Per esempio sulla mia respirazione. È un aspetto sul quale mi sono concentrarmi per migliorare la mia guida: quando percorriamo le curve veloci ad esempio tratteniamo il fiato, perché c’è una forza G talmente alta che non è possibile respirare in maniera corretta, perciò ho provato a lavorarci su un po’ in questi mesi”.

Nico Rosberg si dimostra molto motivato e determinato nel voler vincere il titolo nel 2015. E’ consapevole delle proprie potenzialità e di quelle della Mercedes. Queste le sue dichiarazioni conclusive: “Ho bisogno di utilizzare ogni singolo giorno per essere sempre più veloce e migliorare, per questo ogni giro spingo e provo a fare qualcosa di diverso. Sono sempre più motivato dopo i fatti dello scorso anno. So come ci si sente a vincere le gare e quanto fa sentire bene riuscire a battere Lewis”.