F1, Dietrich Mateschitz: “Mercedes dominerà anche nel 2015. Red Bull? Dipende da Renault”

Dietrich Mateschitz (Getty Images)
Dietrich Mateschitz (Getty Images)

Dietrich Mateschitz, patron della Red Bull, nell’intervista rilasciata ai colleghi di Autosport è stato molto chiaro su quello che sarà l’andamento del Mondiale 2015 di Formula1: “Le Mercedes sono ancora davanti a tutti e sembra che non ci sarà alcun cambiamento per quanto riguarda il loro dominio”.

Adrian Newey, il progettista delle monoposto che hanno permesso a Sebastian Vettel di vincere 4 titoli mondiali consecutivi, aveva dichiarato che per colmare il gap con la Mercedes era necessario avere più potenza a livello di motore. Sulla stessa linea si esprime anche il padrone della scuderia: “Se la Renault riuscisse a ridurre il distacco dai Mercedes di una cinquantina di cavalli potremmo lottare, a patto di avere una buona vettura. Ma non dubito di questo”.

Le responsabilità sulla mancata competitività della Red Bull vengono dunque attribuite alla Renault, cioè il fornitore dei propulsori turbo che al momento non hanno abbastanza potenza per competere con quelli Mercedes e che nei test di Jerez hanno dato alcuni problemi sia a Daniel Ricciardo che a Daniil Kvyat, anche se la situazione è migliorata rispetto ad un anno fa quando la monoposto quasi non si accendeva.

Dietrich Mateschitz infine ha parlato anche della Toro Rosso, team satellite della Red Bull, che quest’anno schiera due piloti giovanissimi come Carlos Sainz jr e Max Verstappen che provengono dalla driver academy della scuderia di Milton Keynes: “Abbiamo due ottimi piloti giovani lì. L’obiettivo non è cambiato, la Toro Rosso è una scuola di apprendimento per giovani talenti. Il team deve essere in grado di lottare per il quinto posto nella classifica costruttori”.