Test Sepang, Valentino Rossi: “Prima giornata positiva, la Yamaha è migliorata”

Valentino Rossi a Sepang
Valentino Rossi a Sepang (getty images)

Dopo oltre due mesi di attesa il team Movistar Yamaha MotoGP e Valentino Rossi sono tornati in pista per la prima dei tre giorni di test sul tracciato di Sepang. Il pilota di Tavullia ha chiuso il day 1 con il secondo miglior tempo: dopo aver dominato la giornata negli ultimi minuti Marc Marquez gli ha soffiato il primato in classifica, ma la giornata di domani si preannuncia incandescente.

 

Il pilota di Tavullia soddisfatto della YZR-M1 2015

“E’ stata una prima giornata positiva e sono molto entusiasta di essere di nuovo in moto – ha detto Valentino Rossi in un comunicato ufficiale -. Oggi è stata davvero buona perché ero costantemente veloce sia al mattino che al pomeriggio. Abbiamo lavorato molto per cercare di migliorare il nostro passo con uno pneumatico usato, ma è già abbastanza buono. La moto è buona e con il nuovo pneumatico abbiamo potuto attaccare e cavalcare un buon tempo sul giro. Alla fine ero al secondo posto alle spalle di Marquez, ma non molto distante. Sembra che la moto è migliorata in aree diverse. Abbiamo ancora molto lavoro da fare, ma il primo giorno è stato ok”.

Nella scorsa stagione il punto debole della YZR-M1 erano le gomme usate, su cui si sta focalizzando l’attenzione dei tecnici Yamaha. Domani e venerdì ci sarà tanto materiale da provare, “telai con diverse rigidezze, forcelloni, più altri piccoli particolari”, ha confessato il Dottore.

Il dato più incoraggiante è che la Respol Honda non ha fatto ulteriori passi avanti e Marc Marquez ha chiuso sì al comando, ma per un solo decimo di secondo: “Ho cercato di allenarmi il meglio possibile, non sono ancora al 100% della forma ma conto di arrivarci per la prima gara – ha aggiunto Valentino Rossi in un’intervista riportata da Gpone.com -. Devo anche continuare a lavorare sul mio stile di guida, c’è ancora tanto da fare, sto provando nuove posizioni in sella e anche di cambiare il mio modo di frenare”.

Nella prossima sessione di test a fine febbraio, sul medesimo circuito malesiano, arriverà il nuovo cambio seamless, sebbene non siano previsti enormi miglioramenti da parte dei piloti Yamaha. “Più che altro penso che girando sulla stessa pista per sette giorni si corra il rischio di diventare stupidi (ride, ndr). Sarebbe più interessante per i piloti cambiare circuito, magari andare a Phillip Island o in un’altra pista in cui ci siano buone condizioni meteo. I giapponesi però vogliono continuare a provare qui – ha concluso Valentino Rossi – e non rimane scelta”.