MotoGP Ducati, Paolo Ciabatti: “Vogliamo vincere ed essere i migliori”

Paolo Ciabatti (Getty Images)
Paolo Ciabatti (Getty Images)

 

Il primo appuntamento importante del campionato MotoGP 2015 è in programma domani a Sepang, dove i piloti della classe regina si cimenteranno nei primi test in vista della prossima stagione. Il direttore sportivo di Ducati Corse, Paolo Ciabatti, seguirà sul circuito malese i due “assi” del team ufficiale di Borgo Panigale, Andrea Iannone e Andrea Dovizioso, sui quali non nasconde di riporre grandi aspettative.

 

Aspettando la stagione 2015

In un’intervista ai colleghi di SPEEDWEEK.com, Ciabatti fa innanzitutto chiarezza sul “caso” Iannone: “Il fatto che lo abbiamo portato nel team factory – dice – dimostra quanto crediamo nelle sue capacità. Il suo primo anno in MotoGP da ‘rookie’ è stato difficile, sia per lui che per la Ducati, perché non avevamo una moto competitiva”.

La sua classe, però, è fuori discussione. “L’anno scorso ha dimostrato che è un pilota molto veloce – prosegue Ciabatti – . Commette degli errori, ma è un grande combattente, e crediamo che possa dimostrarlo una vola di più. In gara, deve acquisire stabilità…”.

Il pensiero va poi al ritorno di Aprilia e Suzuki in MotoGP. Secondo Ciabatti, “non sarà un passaggio facile, perché avverrà in anticipo rispetto a quanto era stato previsto”, ma i due team “hanno davanti a sé un anno intero…”. “La Suzuki ha un pilota molto veloce, Aleix Espargaró – prosegue – , che ha fatto bene anche nei test. E un secondo pilota molto promettente, Maverick Viñales. Non è mai facile per un rookie, ma non credo che lo metteranno troppo sotto pressione”.

Quanto all’Aprilia, “si dà molto da fare e pensa a investire. Ha due piloti esperti come Bautista e Melandri. Spero per loro che riescano a ottenere buoni risultati. Siamo tutti contenti che un nuovo team entri nel campionato, e ci rimanga…”.

La Casa di Borgo Panigale, tuttavia, per il 2015 punta molto in alto. “Noi della Ducati vogliamo vincere ed essere i migliori. Non è mai una cosa facile”, riconosce Ciabatti. Detto questo, “siamo felici del debutto annunciato dalla KTM per il 2017 KTM. Un campionato con tanti costruttori significa uno spettacolo più avvincente per i fan e per la televisione”.

Perché, sottolinea il direttore sportivo di Ducati Corse, “la MotoGP è uno spettacolo altamente tecnico, ma per sempre uno spettacolo. Non dobbiamo dimenticare che per un bello spettacolo servono bravi attori. Più sono, meglio è”. Alla Suzuki e all’Aprilia Ciabatti augura dunque “il meglio”: “So per esperienza – conclude – che è molto difficile competere con la Honda e la Yamaha”.