F1, Kimi Raikkonen: “Ferrari migliorata rispetto al 2014, sono contento”

Kimi Raikkonen (Getty Images)
Kimi Raikkonen (Getty Images)

Kimi Raikkonen ha fatto il suo esordio sulla Ferrari SF15-T nella terza giornata dei test di Jerez dopo che nelle prime due sessioni era stato il compagno Sebastian Vettel a scendere in pista.

Il finlandese ha totalizzato 91 giri complessivi senza intoppi realizzando come miglior tempo un 1’21″750 che gli ha consentito di posizionarsi al 2° posto a 205 millesimi dalla Sauber dell’esordiente Felipe Nasr, anch’essa motorizzata Ferrari, e davanti a Nico Rosberg su Mercedes.

La Gazzetta dello Sport ha riportato le prime impressioni di Kimi Raikkonen sulla monoposto e sul risultato ottenuto al termine della giornata: “La vettura è migliorata in ogni area, rispetto al 2014, il team ha fatto davvero un lavoro eccezionale durante l’inverno. Siamo solo all’inizio, ma la base di partenza è molto buona. Sono contento”.

Dopo il primo posto di Sebastian Vettel in entrambe le due prime sessioni di test a Jerez, anche oggi qualcuno si è lasciato un po’ andare sbilanciandosi molto sulla competitività della Ferrari in previsione del Mondiale 2015. Ma sappiamo che in questi appuntamenti i tempi contano relativamente e difatti il pilota scandinavo rimane con i piedi ben saldi a terra: “Parlare di risultati o di vittorie adesso è irrealistico”.

Anche adamcooperf1.com ha riportato alcuni commenti del ferrarista: “Io e Sebastian faremo del nostro meglio. Sono sicuro che se continueremo a lavorare così potremo andare avanti con entrambe le vetture e otterremo dei buoni risultati. Abbiamo intrapreso la strada giusta, questo è sicuro ed è positivo. Ma dobbiamo aspettare le gare”.

Il team di Maranello deve lavorare sodo per dare ai propri piloti una monoposto che sia più competitiva possibile e che si adatti a loro stile di guida. Il fatto che Kimi Raikkonen ammetta che ci sono stati dei miglioramenti rispetto al 2014 è già un dato significativo che fa ben sperare, ma che non deve assolutamente illudere. Siamo solo all’inizio ed il percorso è ancora lungo per poter tornare nei primi posti della griglia. E’ comunque importante per ora migliorare costantemente e progressivamente senza compiere passi falsi nel lavoro di sviluppo della monoposto. La squadra sembra stia lavorando con molta determinazione e la ventata d’aria fresca voluta da Sergio Marchionne potrebbe dare i suoi frutti nel medio-lungo periodo.