MotoGP Suzuki, Davide Brivio: “A Sepang per capire a che punto siamo”

Maverick Vinales
Maverick Vinales (getty images)

Dopo l’addio alla fine del 2011 e i tanti dati raccolti nel 2014 in casa Suzuki è tutto pronto per il ritorno ufficiale in MotoGP, con la prima sessione di test pre-campionato a Sepang. In sella alla GSX-RR ci saranno Aleix Espargarò e il giovane debuttante Maverick Vinales che dovranno collaudare al meglio la moto del team di Hamamatsu per spinare la strada in vista del Mondiale 2016.

 

Il team di Hamamatsu pronto al ritorno in Top Class

A guidare la scuderia Suzuki ci sarà un nome assai conosciuto agli appassionati italiani di Motomondiale, Davide Brivio, che in un comunicato stampa di oggi fa sapere: “Stiamo per cominciare il primo test stagionale, per noi sarà solo un altro test, ma stavolta le sensazioni sono molto diverse in quanto è la prima vera preparazione per la stagione che sta cominciando… Abbiamo appena finito di assemblare le nuove moto in Giappone – ha dichiarato Davide Brivio – e sappiamo che i nostri piloti non vedono l’ora di tornare in moto, cominciare questo nuovo progetto e capire a che punto siamo con lo sviluppo”.

Aleix Espargarò è ancora alle prese con i postumi di un infortunio rimediato al termine della scorsa stagione, ma c’è tanta voglia di fare bene sin dalla prima uscita in Malesia: “Sono davvero entusiasta di tornare di nuovo in pista di nuovo sulla Suzuki. I primi test di Valencia e Jerez lo scorso novembre sono stati buoni e soddisfacenti, ma dobbiamo proseguire nella stessa direzione in vista della prima gara stagionale. In Malesia avremo a disposizione molte ore di test, quindi ci sarà molto tempo per provare la nuova moto e sono sicuro che possiamo essere competitivi contro le altre squadre e piloti”.

Dopo un lungo inverno di allenamenti anche Maverick Vinales è pronto a debuttare in classe regina con la Suzuki: “Sono al 100% pronto a tornare nuovamente in azione e non vedo l’ora di salire sulla moto a Sepang. In inverno ho passato la maggior parte del mio tempo fra motocross, ciclismo e gare sul ghiaccio e ho fatto tutto quello che potevo fare per essere in forma e pronto per la prima prova. Sono fiducioso nella mia condizione fisica e credo che gli ingegneri Suzuki e il nostro team hanno continuato a lavorare sodo durante i mesi invernali. Sono molto curioso di vedere i progressi fatti sulla moto. Ho già un sentimento molto positivo dai test di novembre e le mie aspettative per la mia prima stagione in MotoGP con la Suzuki sono estremamente alte”.