MotoGP, Stefan Bradl: “Devo adattare il mio stile di guida alla Yamaha”

Stefan Bradl
Stefan Bradl (getty images)

Stefan Bradl è pronto alla nuova avventura in sella alla Yamaha Open del team NGM Forward Racing, dopo tre anni con la LCR Honda di Lucio Cecchinello, con cui ha chiuso tra il settimo e il nono posto in classifica iridata.

Dal Mondiale MotoGP 2015 il pilota tedesco sostituirà Aleix Espargaro, passato in Suzuki, e dopo aver trascorso l’inverno con amici e ad allenarsi in palestra attende i test di Sepang (4-7 febbraio) per familiarizzare con la nuova moto.

Sebbene sia troppo presto per fissare gli obiettivi Stefan Bradl non ha nessuna intenzione di uscire dalla top ten: “Non lo so con certezza, vedró a Sepang il da farsi, ma sono fiducioso sul fatto che la Yamaha ci fornirá del materiale importante. Personalmente, cercheró di trovare subito un buon setting di partenza e adattare il mio stile alla Yamaha. Soltanto allora potremo fare una prima valutazione – ha sottolineato Bradl in un’intervista a Motogp.com -. Scenderemo in pista con il telaio e il motore 2014″.

Nel test di Valencia effettuato alla fine della scorsa stagione Stefan Bradl ha potuto provare diversi tipi di sospensioni: “Avremo delle Öhlins, con le quali ho avuto un maggior feeling. Le mie sensazioni sono state confermate anche dal successivo test di Jerez alla fine di novembre”.

Il team manager della Movistar Yamaha, Wilco Zeelenberg, è entusiasta del passaggio del rider tedesco dalla Honda alla Yamaha: “Stefan ha tenuto una buona prestazione nei test di Valencia con la M1, dimostrando di saper essere veloce” ha affermato in un’intervista a Speedweek. “Ha buone possibilità di vincere la classe Open anche se la concorrenza è più agguerrita rispetto al 2014”. Ma per Stefan Bradl l’importante sarà non rimediare troppe cadute!