WRC 2015, Sebastien Ogier: “Avrei voluto una sfida diretta con Loeb”

Sebastien Ogier (Getty Images)
Sebastien Ogier (Getty Images)

La prima tappa del mondiale WRC 2015 a Montecarlo sarà ricordata per il trionfo di Sebastien Ogier e delle Volkswagen e per la sfortuna piombata sul nove volte campione del mondo Sebastien Loeb, purtroppo protagonista di sfortunato impatto con un masso a bordo strada, contro cui si sono infrante anche le possibilità di vittoria…

Una giornata da ricordare

E proprio la sfida con Loeb è stata al centro della conferenza stampa post-gara con i giornalisti: “Vi ricordate cosa avevo detto prima del rally?”, ha domandato Ogier. “Avevo detto che ero sicuro che Loeb sarebbe stato lì in lotta, e lo ha dimostrato, ma questo non vuol dire che sia normale. Lui è Loeb!”.

E anche stavolta il nove volte iridato ha fatto la differenza. “Il suo inizio di gara è stato impressionante e noi abbiamo dovuto reagire – ha raccontato Ogier – . Abbiamo iniziato con calma, ma abbiamo subito perso terreno. Il mio unico rammarico è che non c’è stato una battaglia diretta perché avevamo posizione di partenza diverse. Lo avevo annunciato l’anno scorso che sono contrario a queste regole. Questo è un primo esempio che ucciderà le battaglie ravvicinate tra i piloti. C’erano modi migliori per cambiare le cose”.

Resta però la soddisfazione per una sfida di grande valore. “È stato bello avere qui Loeb, quando c’è lui ti ricordi che devi dare un sacco – riconosce Ogier – . È stato piuttosto entusiasmante. Io e Seb eravamo un po’ più veloci e abbiamo preso un margine sugli altri, poi lui ha fatto un piccolo errore e la mia gara è cambiata”.

Il francese si rallegra ancora per “un inizio di stagione fantastico” e dice di sentirsi “sulla luna”. “Vincere a Monte Carlo è qualcosa di speciale per ogni pilota, ma le parole non bastano per dire cosa significa per me vincere qui, qui sono a casa – conclude Ogier – . Gli amici, la mia famiglia e i tifosi mi danno un sostegno enorme e di fiducia. L’atmosfera era magica. Sono contento di averli potuti ripagare. L’83esima edizione del Monte è stata una delle più difficili che ricordi per quel che riguarda le condizioni e all’inizio scegliere le gomme è stato particolarmente difficile”.

La parola al nove volte iridato

Di sicuro Sebastien Loeb ha dimostrato sul circuito di Montecarlo di essere in ottima forma, al netto dello sfortunato incidente, e in un’intervista ai colleghi di Marca.com si è detto intenzionato a puntare tutto sul campionato WTC con la Citroën. Il pilota francese spiega che il suo primo anno nella nuova categoria è stato “positivo” e confida di essere “soddisfatto di me stesso e del ritmo che ho tenuto nel corso della stagione”. “Ovviamente ho bisogno di più esperienza in questa specialità – ha precisato – dopo 20 anni di rally una sola stagione non è certo sufficiente per imparare tutto ciò che serve!”.

Loeb si è poi soffermato sulla differenza tra i rally e le corse nei circuiti: “Per me i rally sono qualcosa di normale – ha spiegato – . Nei circuiti di gara bisogna lavorare molto sullo stile di guida, programmare ogni curva, affinare e insistere nel lavoro con gli ingegneri e, naturalmente, la differenza più grande è il traffico in pista. È molto importante sapere dove si può sorpassare e dove no…”.

Ma – continua Loeb – “in questo momento desidero affrontare una nuova sfida, e questa è molto diverso dalle precedenti. Non mi manca il rally, forse solo la sensazione di dover guidare una macchina da corsa su una strada normale e non su qualcosa di artificiale come una pista del circuito”.

E conclude annunciando di non avere “alcun piano per competere nel Dakar per il momento”, ma “se dovessi scegliere, terrei conto del fatto che la trazione integrale quest’anno ha dato ottimi risultati…”.