Mini Minor, il grande ritorno targato Bmw-Toyota

Mini Minor (Getty Images)
Mini Minor (Getty Images)

La partnership tra BMW e Toyota, esistente dal 2011, potrebbe presto produrre una novità importante. Parliamo del ritorno della Mini Minor. I colleghi di Automobile Magazine rivelano che le parti sono in contatto e lavorano a questo progetto importante.

La BMW a livello di design avrebbe già le idee chiare ed intende realizzare un modello che sia un incrocio tra una Paceman e la Rocketman concept dotato di griglia anteriore a forma di trapezio, fari posteriori Union Jack e un tetto unico con sezione posteriore a doppia gobba.

Toyota vorrebbe mettere a disposizione la piattaforma modificata della iQ, esemplare di piccole dimensioni uscito sul mercato nei giorni scorsi considerato molto costoso a causa dell’elevato contenuto di tecnologia utilizzato. La casa giapponese nel progetto della Mini Minor potrebbe recuperare parte delle risorse investite. Per i tedeschi invece c’è la possibilità di rilanciare un modello storico aumentando le proprie vendite.

La collaborazione BMW-Toyota sembra destinata ad ampliarsi sempre di più, come è avvenuto tra Renault, Nissan e Mercedes. L’accordo era nato per collaborare sulla ricerca delle batterie agli ioni di litio e affinché i tedeschi fornissero i propri motori 1.6 e 2.0 diesel alla casa automobilistica di Tokio. Ma successivamente si è passati allo sviluppo di fuel cell a idrogeno, powertrain ibridi, batterie al litio aria, architetture leggere e infine alla creazione di un modello sportivo condiviso tra i due marchi. Parliamo in questo ultimo caso di future Toyota Supra e Bmw Z4. Adesso c’è il progetto della Mini Minor in cantiere e vedremo quando diventerà realtà per giudicare se anche questa volta avranno fatto un buon lavoro.