Dakar 2015, vittoria finale per Marc Coma: è il 5° trionfo per lui

Marc Coma (Getty Images)
Marc Coma (Getty Images)

Marc Coma su Ktm vince la Dakar 2015 e per lui si tratta del 5° successo in questa storica e prestigiosa competizione. Il pilota francese eguaglia così il numero di successi di Cyril Despres e si porta a solamente una lunghezza da Stephane Peterhansel.

Nella 13esima ed ultima tappa, quasi in passerella da Rosario a Buenos Aires, ha trionfato Ivan Jakes su Ktm davanti alle moto gemelle di Stefan Svitko e Toby Price. Marc Coma è giunto 5° dietro a Paulo Goncalves.

Quello di Marc Coma è successo frutto di un grande lavoro e di tanta costanza nel rendimento. E’ riuscito così ad arrivare alla fine senza cambiare motore, differentemente dal rivale Paulo Goncalves che cambiandolo ha preso una penalità di ben 15 minuti. Il portoghese su Honda si classifica comunque 2° a 16’53”. Completa il podio finale Toby Price (Ktm) a 23’14”. Il primo degli italiani è Paolo Ceci, 14° con la sua Yamaha e distante 4.58’14” dalla vetta. Marco Brioschi su Ktm è 45° a 19.38’07”, mentre Diocleziando Toia con la medesima moto è 56° a 25.44’28”.

Una delle sorprese di questa Dakar 2015 è stato Toby Price. L’australiano alla sua prima partecipazione è riuscito ad arrivare 3° nella graduatoria finale e si candida pertanto come uno dei possibili vincitori delle prossime edizioni. Sicuramente il prossimo anno tornerà in Sud America con la consapevolezza di poter dare maggiore fastidio al vincitore.

Rimpianti per Joan Barreda, vincitore di 4 tappe e lasciato a piedi dalla sua Honda sul più bello. Sembrava essere lui l’avversario in grado di potersi contendere fino alla fine a Marc Coma, ma dovrà ritentare l’anno prossimo sperando di essere più fortunato. Da segnalare il 9° posto finale di Laia Sanz, spagnola, giunta a 2.24’21” dal capoclassifica. Un gran risultato per lei.

Deludenti in generale le Yamaha, mai in grado di vincere una tappa e che hanno piazzato solo Oliver Pain (9°) nella Top 10. Non si può poi dimenticare Michael Harnik, scomparso dopo la 3° prova e ritrovato morto accanto alla sua moto a causa di un arresto cardiaco dovuto alla disidratazione. Questa Dakar 2015 ha avuto anche la sua tragedia, purtroppo.