MotoGP 2015: Jorge Lorenzo verso il riscatto?

Jorge Lorenzo (Getty Images)
Jorge Lorenzo (Getty Images)

L’olandese Wilco Zeelenberg ricopre dal 2010 la posizione di team manager di Jorge Lorenzo nel team Yamaha factory, dopo una lunga carriera come pilota ufficiale della Honda nel campionato del mondo 250 cc. Nessuno meglio di lui conosce i pregi e difetti del campione maiorchino, che – come tutti gli appassionati della MotoGP ben sanno – è reduce da una stagione difficile, nonostante la “rimonta” di cui è stato protagonista nell’ultima parte dell’anno.

Jorge Lorenzo è pronto ad affrontare la nuova sfida del 2015? Le “carenze” che tanto l’hanno penalizzato nell’ultimo Motomondiale sono state affrontate e risolte, e come? Zeelenberg ne ha parlato in un’intervista esclusiva ai colleghi di SPEEDWEEK.com.

 

La scommessa di Wilco Zeelenberg

 

Il team manager della Yahama tiene anzitutto a puntualizzare che “la nuova moto del 2014 era difficile da guidare. Siamo passati da 21 litri a 20, il motore era più aggressivo. I nuovi pneumatici posteriori perdono grip“, come lo stesso Lorenzo ha più volte fatto notare nei mesi passati. “La combinazione di questi due elementi – spiega – è stata una sorta di campanello d’allarme”.

E le condizioni fisiche del pilota non hanno certo aiutato. “Jorge non era affatto in forma, avendo subito tre operazioni a dicembre 2013. Tutto questo l’ha indebolito all’inizio della stagione”.

Tuttavia, “dal GP del Mugello in avanti, Jorge è diventato sempre più forte”, grazie anche a una serie di modifiche “tecniche” e tra poche settimane lo vedremo “di nuovo in forma”, poiché si sta sottoponendo a un “allenamento adeguato e costante”.

Zeelenberg è insomma ottimista. “Spero che anche la moto all’inizio della stagione vada un po’ meglio rispetto allo scorso anno”, dice, anche perché “Jorge ora sa esattamente cosa aspettarsi. E questo può fare una grande differenza”.

La sfida del 2015 si annuncia più dura che mai: riuscirà il maiorchino ad avere la meglio su un avversario (quasi) invincibile come Marc Marquez? “Marc è migliorato sotto quasi ogni aspetto – riconosce Zeelenberg – . Nel 2014 non ha avuto alcuna difficoltà a inseguire Jorge, Valentino e Dani. E’ stato quasi sempre in pole, e fin dall’inizio del campionato si è imposto in prima fila. E alla fine ha riservato ancora altre sorprese”. “Per questo – conclude – i suoi avversari non avranno vita facile”.