MotoGP, Jorge Lorenzo: “Tito Rabat deve continuare a vincere”

Jorge Lorenzo (Getty Images)
Jorge Lorenzo (Getty Images)

Esteve “Tito” Rabat è stato protagonista nel 2014 di una straordinaria stagione che, gara dopo gara, l’ha portato a vincere il titolo mondiale della Moto2.

Il 25enne spagnolo ha vinto la sfida inaugurale in Qatar, la terza corsa in Argentina, al Mugello e a Barcellona. A Silverstone, Brno e Misano ha messo a segno tre vittorie di fila. Rabat si è dunque aggiudicato il titolo mondiale con un totale di sette vittorie e sei podi su 18 gare. 

Tuttavia, a differenza degli ultimi due campioni del mondo di Moto2, Marc Marquez e Pol Espargaró, egli non ha spiccato il “grande salto” alla classe MotoGP. Complice lo scarso interesse da parte dei team della classe regina ad arruolare un altro spagnolo, Rabat ha prolungato il suo contratto con il team VDS per un altro anno. Così, nel 2015 potrebbe diventare il primo pilota a “bissare” il titolo mondiale in Moto2.

 

Da campione a campione…

I colleghi di Marca hanno sentito il parere del fuoriclasse della MotoGP Jorge Lorenzo, che vanta nel suo prestigioso curriculum due vittorie iridate nella classe 250 cc (2006 e 2007). Rabat ha preso la decisione giusta? “Questo è difficile da dire – risponde il maiorchino – . Se rimarrà competitivo, allora riceverà anche delle offerte. Se i risultati non saranno confermati, però, avrà qualche problema. Questo è il rischio della permanenza in Moto2. Se continuerà a vincere, però, forse avrà fatto bene a non passare subito alla MotoGP. Sarà il tempo, come sempre, a dire se sia stata una scelta giusta o sbagliata”.