MotoGP, Andrea Iannone: “Ducati sta crescendo, voglio lottare per il podio”

Andrea Iannone
foto Facebook

Andre Iannone si appresta ad affrontare la sua terza stagione in MotoGP: dopo due anni in sella alla Ducati Pramac il pilota abruzzese dal 2015 farà parte del team ufficiale della casa di Borgo Panigale, in coppia con Andrea Dovizioso.

Un’occasione forse unica per Iannone che dovrà dimostrare di aver meritato la promozione alla Ducati ufficiale e confermare quanto di buono visto nel 2014 nei test di fine anno.

 

Il pilota di Vasto tra cervello e cuore

Grande è l’attesa per vedere in pista la nuova Desmosedici GP15 progettata da Gigi Dall’Igna e con cui dovrebbe iniziare una nuova era per la squadra e per il rider di Vasto: “Qualche volta esagero senza rendermene conto, è vero. Sono un istintivo ma mi sono reso conto che in pista non conta solo la velocità, ma anche l’intelligenza – ha ammesso Andrea Iannone in un’intervista al ‘Corriere dello Sport -. E anche la tecnica è importante, per questo durante tutta la scorsa stagione ho lavorato per migliorare i miei punti deboli”.

Ma guai a pretendere di essere subito veloci in pista, sin dal primo test a Sepang. Anche perchè la versione definitiva della Desmosedici dovrebbe arrivare solo nella seconda sessione di prove. Nel prossimo Mondiale il primo obiettivo di Andrea Iannone sarà quello di conquistare il suo primo podio in MotoGP, poi da cosa nasce cosa e magari presto potrebbe dare filo da torcere al campione in carica Marc Marquez…

“Negli ultimi due anni in realtà non ho avuto molte occasioni di fare un bel corpo a corpo con lui – ha sottolineato Iannone -, ma in Moto2 è accaduto spesso e qualche volta ho vinto io. L’anno passato a Brno c’è stato qualche bello scambio. Anche a Valencia ci siamo divertiti. La Honda va molto forte, ma la Ducati sta crescendo e l’obiettivo per il 2015 – ha concluso – è quella di batterci sempre per le posizioni di testa”.