Posto auto riservato al parroco, scoppia la polemica sul web

foto Facebook
foto Facebook

Sull’isola di Ischia scoppia la polemica per un posto auto riservato alla chiesa. La segnaletica orizzontale di colore giallo, con il disegno di una chiesa, sarebbe comparsa nella frazione ischitana di Sant’Antuono a pochi metri dalla parrocchia di Sant’Antonio abate e la fotografia è apparsa sulla pagina Facebook del cittadino Michelangelo Messina.

Secondo le indiscrezioni trapelate sul web il posto auto sarebbe riservato al sacerdote e sarebbe stato assegnato su disposizione del Comune, con una parte dei cittadini favorevole alla decisione, un’altra contraria.

“E’ un privilegio anacronistico e comunque una questione di opportunità ed equità sociale”, hanno commentato alcuni sui social network. Mentre i pro ribattono: “E’ una soluzione necessaria allo svolgimento delle funzioni legate alla chiesa che, per ubicazione, non ha parcheggio”.

Sulle colonne della ‘Repubblica’ il Comune di Ischia spiega i motivi e la legittimità della decisione: “I ministri dei culti hanno intese con lo Stato Italiano e sono ufficiali di Stato civile quando celebrano matrimoni con effetti civili: il loro elenco è depositato in Prefettura. Sono a tutti gli effetti pubblici ufficiali”.

Intanto don Giuseppe Nicolella sul web ha chiesto scusa per l’atto di estrema gentilezza nei suoi confronti: “Un gesto di cortesia che non avevo chiesto. Sia dato lo spazio ai disabili”.

E aggiunge: “La bontà di alcuni parrocchiani e la condiscendenza dello stimato comando dei vigili di Ischia hanno inteso ‘regalarmi’ per Natale un posto riservato per Carolina (la mia Panda). Da subito ho ringraziato e declinato il ‘privilegio’… Spero che l’equivoco sia chiarito”.