Matteo Renzi in vacanza sugli sci… ma il casco è un optional!

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha fatto della sicurezza stradale uno dei suoi principali “cavalli di battaglia”, anche se dopo le promesse del suo discorso di insediamento ben poco è stato fatto su questo fronte. Ancora qualche giorno fa ha annunciato l’introduzione del reato di omicidio stradale e dell'”ergastolo della patente” nel 2015… peccato che poche ore dopo si sia lasciato immortalare in quel di Courmayeur, dove si è concesso una breve vacanza di fine anno, mentre sciava senza casco!

Il premier italiano ha scelto la Valle d’Aosta come meta delle vacanze natalizie, dopo un anno di certo non facile alla guida del Paese: lontano dai palazzi romani, ha finalmente lasciato spazio al relax e al divertimento sulle sulle piste da sci valdostane… ma trascurando ahinoi la sicurezza personale!

Matteo Renzi (Getty Images)
Matteo Renzi (Getty Images)

La “gaffe” del premier

Renzi avrebbe lasciato di buon mattino la Caserma Perenni degli alpini – dove alloggia con la sua famiglia – per raggiungere gli impianti turistici di Courmayeur in compagnia di due istruttori valdostani, e quindi concedersi ai turisti prima e durante un'”improvvisata” con gli sci ai piedi, occhiali da sole e inconfondibile sorriso da “selfie”… ma senza casco protettivo. L’inquilino di Palazzo Chigi ha così dimostrato ben poco riguardo nei confronti di quelle norme di prevenzione degli incidenti che in altre sedi ha difeso a spada tratta.

A onor del vero va ricordato che l’uso del casco sulle piste da sci è obbligatorio dal 2005 solo per i bambini di età inferiore a 14 anni, ma – per i motivi già detti – sarebbe stato quantomeno opportuno da parte del premier dare l’esempio in una simile circostanza, tanto più che è appena trascorso un anno dal terribile incidente di cui è rimasto vittima l’ex pilota di Formula1 Michael Schumacher, tuttora bloccato in un letto d’ospedale tra la vita e la morte… La speranza è che la “gaffe” serva da lezione!