MotoGP Honda: Shuhei Nakamoto svela il “segreto” di Marc Marquez

Shuhei Nakamoto (Getty Images)
Shuhei Nakamoto (Getty Images)

Il miglior grip con i pneumatici usurati è l’asso nella manica che ha consentito al campione del mondo di MotoGP Marc Marquez di avere la meglio sul “duo” Yamaha composto da Valentino Rossi e Jorge Lorenzo nel corso dell’ultima stagione.

Ne è convinto il boss dell’HRC Shuhei Nakamoto, secondo cui il prototipo della RC213V factory da 1000cc ha un miglior grip negli importantissimi giri finali. E i risultati dell’ultima stagione sono lì a dimostrarlo.

 

Questione di grip

La Honda ha vinto 14 gare su 18 (compreso il podio di Dani Pedrosa a Brno dello scorso agosto), e analizzando con i colleghi di MCN i punti di forza e di debolezza della RC213V rispetto alla YZR-M1 della Yamaha, Nakamoto ha dichiarato: “Sulla velocità in curva, la Yamaha ha chiaramente un vantaggio, e l’apertura della valvola a farfalla è decisamente anticipata. Ma il nostro punto di forza è la stabilità in frenata. E la nostra macchina è anche più adatta ad affrontare le curve lente”.

“Un aspetto cruciale – prosegue il boss della Honda – è che quando il grip viene meno, la nostra moto consente di mantenere con più facilità il lap time, perché non ha velocità in curva. La Yamaha è un po’ penalizzata da questo punto di vista, perché sfrutta di più i bordi delle gomme”.

Le gare di quest’anno ne sono la prova. “In quasi tutte le corse, Marc sorpassa alla fine – spiega – . Non è contento di stare dietro, cerca di sorpassare, ma all’inizio della gara è impossibile, perché la velocità in curva e l’accelerazione della Yamaha sono migliori rispetto a quelle della Honda”. “Sembra che Marc si diverta ad aspettare – conclude Nakamoto – , ma aspetta solo che le gomme Yamaha inizino a cedere…”.