Camion, accordo UE per le nuove dimensioni

foto by twitter
foto by twitter

E’ stato trovato un accordo tra gli Stati membri dell’Unione Europea e il Parlamento Europeo sulle tempistiche di applicazione delle nuove norme che regolamentano i pesi e le dimensioni di camion e veicoli industriali: il nuovo ciclo comincerà nel 2015 e finirà nel 2022.

 

Camion, accordo UE per le nuove dimensioni.

Con questo accordo raggiunto tra gli stati membri dell’Unione Europea si è stabilito il calendario che scandisce l’introduzione delle nuove norme che nei prossimi anni permetteranno di costruire Camion molto più efficienti con una riduzione dei consumi che va dal 10 al 15 %, con grandi vantaggi sull’inquinamento e sicuri.

Si è stabilito che questa nuova generazione di Camion del futuro non potranno essere prodotti prima del 2022 cioè 7 anni dopo l’entrata in vigore della norma, infatti in base all’accordo raggiunto la normativa sarà effettiva dal 2022.

Come verrà scandita la norma sulle nuove dimensioni dei Camion?

Il primo passo del cambiamento avverrà già nel 2016 con la formale adozione delle dimensioni massime possibili. Nel 2016 la Commissione Europea presenterà poi una proposta per consentire l’applicazione sui nuovi camion di sistemi di sicurezza innovativi e di riduzione dei consumi. Dal 2019 al 2020 le nuove regole di sicurezza saranno definite e adottate, mentre nel 2021-2022 terminerà la moratoria di tre anni per la loro integrazione normativa.

Quindi, avremo la possibilità vedere i primi Camion progettati secondo le nuove norme nel 2022, anche se i costruttori di camion vorrebbero prorogare la moratoria almeno fino al 2025, questo perchè ci sono ancora forti pressioni da parte di alcune Case produttrici di Camion che chiedono l’ulteriore rinvio perchè le nuove norme potrebbero incidere sulla concorrenza a causa del lungo ciclo di vita dei veicoli industriali, che quindi potrebbero uscire fuori mercato e non avere più il giusto valore, causando problemi  di non piccola entità sia alle Case Produttrici che ai privati che vedrebbero cadere il valore dei loro mezzi.