MotoGP, Marc Marquez: vi svelo i segreti del mio successo

Marc Marquez (getty images)
Marc Marquez (getty images)

Marc Marquez chiude un 2014 strepitoso con la vittoria iridata in MotoGP, la seconda consecutiva, raggiunta insieme al trionfo in Moto3 di suo fratello Alex. Il campione della Repsol Honda ha collezionato record su record, vincendo 13 gare su 18, rimediando anche qualche caduta, ma senza mai riportare conseguenze rilevanti, diventando un esempio unico al mondo per il suo stile di guida inedito.

 

Il campione della Honda confessa qualche segreto…

Uno stile di guida che molti piloti hanno dovuto imitare per migliorare le proprie prestazioni, compreso il nostro Valentino Rossi, che all’inizio del Mondiale 2014 ha ammesso: “E’ vero, ho cambiato il mio stile di guida, mi sporgo di più dalla moto, come fa Marquez, perché è importante non mettere in crisi gli pneumatici al massimo dell’angolo di piega, ma io ho le gambe più lunghe e devo stare più raccolto, perciò non tocco nemmeno col gomito”.

 

Marc Marquez è divenuto un esempio da seguire per tutti i piloti del Motomondiale e sarà dura batterlo nella prossima stagione. In un’intervista a Speedweek ha confessato qualche piccolo segreto, anche se la teoria è ben altra cosa rispetto alla pratica, soprattutto quando si ha a che fare con la velocità e le due ruote…

“A volte cerco di memorizzare i punti di riferimento in pista, ma soprattutto mi freno istintivamente. Questo è difficile da spiegare, è una sensazione. Tuttavia, in alcuni punti di frenata, per le curve cieche e zone di frenata molto lunghi, cerco di trovare punti di riferimento per frenare sempre allo stesso punto”.

Ma senza il fondamentale supporto di Honda Racing Corporation il suo successo sarebbe impossibile: “Con un marchio così forte e un buon lavoro nella parte posteriore, naturalmente, è molto più facile. Loro fanno sempre del loro meglio, ma a volte è anche difficile per noi trovare le giuste soluzioni. Ma durante il mio periodo come pilota 125cc è stato sempre il mio obiettivo lavorare per HRC. E’ la migliore azienda con la migliore squadra”, ha ammesso Marc Marquez.

Infine il campione di Cervera svela un piccolo segreto per non farsi male nelle cadute dalla sua RC213V: “Con il mio allenatore lavoro duro per garantire di essere mobile e flessibile. Faccio un sacco di stretching. Non solo la forza muscolare è importante. Il mio allenatore dice sempre che bisogna essere come un gatto. Per sopravvivere e uscire illesi da un un incidente dovete essere ben addestrati e molto elastici”.