Lo specchietto digitale presentato da Cadillac

Con l’ausilio di una videocamera ad alta definizione che riprende dietro la vettura ed invia le immagini ad un display TFT-LCD da 1.280×240 pixel posizionato al posto del tradizionale specchietto retrovisore, lo specchietto digitale presentato da Cadillac migliora il campo visivo del 300% eliminando i punti ciechi.

Lo specchietto digitale presentato da Cadillac.

Lo specchietto digitale presentato da Cadillac (foto by twitter)
Lo specchietto digitale presentato da Cadillac (foto by twitter)

Lo specchietto digitale presentato da Cadillac sicuramente non sarà una di quelle innovazioni che cambieranno la storia delle automobili, ma sicuramente sarà un ottimo strumento per migliorare sempre più il livello di sicurezza delle vetture, l’idea di utilizzare una video camera posteriore che trasmette poi le immagini ad un display   all’interno dell’abitacolo non è una novità assoluta, visto che viene già utilizzata dall’Audi nelle corse automobilistiche, ma Lo specchietto digitale presentato da Cadillac offrirà, come dichiara la Casa Produttrice, una visuale simile a quella di una Cabriolet con tetto aperto, senza punti ciechi creati dai montanti, dal tetto, dai poggiatesta o dagli stessi passeggeri, La qualità dell’immagine offre al guidatore maggiore visibilità degli ostacoli senza riflessi e interferenze

Lo specchietto digitale presentato da Cadillac sarà installato per la prima volta sulla nuova Cadillac CT6 l’ammiraglia di lusso che farà il suo debutto nei primi mesi del 2016 e sarà la diretta concorrente di Audi A8, BMW Serie 7 e Mercedes-Benz Classe S.

Gli ingegneri della Cadillac per questo progetto hanno ricevuto  dieci brevetti: uno per lo streaming video e nove per il processore video. Lo specchietto digitale Cadillac CT6 può essere disattivato in qualsiasi momento dal guidatore per tornare in modalità classica.

A questo punto non ci resta che attendere il debutto ufficiale di questo nuovo dispositivo per verificarne la reale utilità nel miglioramento della sicurezza stradale e se così fosse ci auguriamo che presto questo tipo di tecnologie vengano utilizzate anche per le vetture meno preziose della Cadillac CT6.