Multe auto: Babbo Natale porta nuovi rincari. E arriva la tele-revisione…

(Getty Images)
(Getty Images)

Anche quest’anno Babbo Natale porterà agli automobilisti italiani un bel pacchetto di rincari di tasse e multe stradali. Salvo ulteriori ripensamenti, infatti, dal 1° gennaio del 2015 scatteranno una serie di aumenti – ormai “tradizionali” a Ferragosto e Capodanno – di cui, secondo noi di Tuttomotoriweb, non si sentiva affatto la necessità, viste le condizioni critiche in cui già versa il mercato delle quattro ruote.

L’unica consolazione è che almeno stavolta, per effetto della stagnazione economica e della deflazione, gli aumenti saranno minimi.

La “sorpresina” sotto l’albero

Per le multe stradali è infatti previsto un rincaro di appena lo 0,5%: l’aumento biennale più basso mai registrato dall’entrata in vigore del nuovo Codice della strada. I nuovi importi delle sanzioni a decorrere dal prossimo 1° gennaio verranno stabiliti tramite un apposito decreto interministeriale applicando il consueto criterio dell’arrotondamento.

A titolo di esempio, una semplice contravvenzione per divieto di sosta resterà ancorata all’importo di 41 euro, e il mancato uso della cintura di sicurezza continuerà a essere punito con una sanzione di 80 euro. Per le multe “inflitte” dall’autovelox è invece previsto un aumento da 168 a 169, e quella dovuta alla mancata copertura assicurativa salirà da 841 a 845 euro.

 

 

Novità per le revisioni

 

Peccato che, per adeguarsi alle nuove disposizioni, i centri revisione dovranno affrontare un forte aumento dei costi (dopo aver già sostenuto una spesa di almeno 10.000 euro per l’adeguamento dei macchinari e dei software, a fronte di una tariffa ministeriale ferma da oltre 7 anni) ed espletare una serie di nuovi adempimenti burocratici. La speranza è che il gioco valga la candela…