MotoGP Yamaha: Pol Espargarò è il futuro Valentino Rossi?

La Yamaha è sicura che riuscirà a convincere Pol Espargaro che ha davanti a sé un lungo futuro con il costruttore giapponese, pur avendo precluso al quotatissimo pilota spagnolo il “sogno” della YZR-M1 factory, almeno fino al 2017…

L’ex campione del mondo di Moto 2 è passato nel 2014 al Monster Yamaha Tech 3, nella speranza di correre l’anno venturo sulla YZR-M1 factory.

All’inizio di questa stagione, però, la Yamaha ha rinnovato il contratto per altri due anni con Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, di fatto sbattendo la porta in faccia ad Espargaro, un giovane di talento che pure ha suscitato un certo interesse da parte di Suzuki e Ducati nel corso della “campagna acquisti” per il 2015. Il contratto che lo lega al Tech 3, infatti, contempla la possibilità di lasciare il team dopo una sola stagione.

Il boss della Yamaha Lin Jarvis, però, è a quanto pare fermamente intenzionato a non lasciarselo scappare.

Pol Espargaro e Valentino Rossi (Getty Images)
Pol Espargaro e Valentino Rossi (Getty Images)

La versione di Lin Jarvis

Espargaro resterà con la Yamaha anche dopo il 2015? “Dipende da quelle che saranno le sue alternative dopo la prossima stagione – spiega Jarvis ai colleghi di MCN – . Credo che Pol sia un pilota intelligente, e in questo momento chi vuole davvero imporsi ai vertici ha bisogno di un contratto con il team Yamaha Factory Racing o HRC…”.

Ultimamente si è parlato anche di Espargaro come possibile sostituto di Valentino Rossi, ma Jarvis si limita a ribadire che “tutto dipenderà dalle alternative sul tappeto. Forse sarà una delle new entries… La Suzuki ha mostrato un certo interesse verso Espargaro per il 2015, ma lui ha scelto di rimanere dov’è, perché in questo momento è questa la scelta più giusta per la sua carriera”.

In futuro, tuttavia, Espargaro potrebbe tornare sui suoi passi? “Non lo so – spiega Jarvis -. Anche la Ducati si è mostrata interessata, quindi tutto dipende da quali saranno le opzioni per lui nel 2016. Mi piacerebbe che Pol rimanesse con la Yamaha, ma non so ancora quale sarà la soluzione migliore…. vedremo. Sta facendo bene e, anche se ha ancora molto da imparare, vorrei che rimanesse nel nostro gruppo e diventasse un pilota molto competitivo”, conclude.