F1, Jenson Button lancia la sfida a Fernando Alonso: “Voglio il titolo”

Fernando Alonso e Jenson Button (Getty Images)
Fernando Alonso e Jenson Button (Getty Images)

Jenson Button ha vinto il ballottaggio con Kevin Magnussen e nel 2015 sarà il compagno di Fernando Alonso nel box della McLaren Honda. Tra i due ci sono ottimi rapporti e l’ex pilota Ferrari ha più volte auspicato pubblicamente che l’inglese rimanesse e non abbandonasse la Formula1 dato che ha ancora molto da dare e lo ha dimostrato.

Sono stati in molti a schierarsi a favore di Jenson Button tra colleghi, addetti ai lavori e altre figure importanti. Il team di Woking ha così deciso di confermarlo in un’annata che sarà molto importante per capire se il duo McLaren-Honda può tornare a vincere dando fastidio ad una Mercedes che nel 2014 ha letteralmente dominato.

 

Jenson Button crede nel titolo

Il britannico è entusiasta di essere rimasto nella squadra con cui corre da diversi anni ormai e Autosport ha raccolto alcune sue dichiarazioni in merito: “Il mio cuore è sempre rimasto qui perché volevo continuare a gareggiare per la McLaren e per la Honda. Essere coinvolto nella nuova era McLaren–Honda significa molto per me. Inoltre, per quanto mi riguarda, correre di fianco a Fernando Alonso è un’altra grande sfida. Una sfida appassionante e per la quale sono molto impaziente. Ci conosciamo molto bene e con circa 500 Gran Premi disputati fra me e lui, penso che siamo abbastanza esperti. Giocheremo un ruolo importante nell’aiutare la McLaren-Honda a realizzare grandi cose nel futuro”.

Jenson Button ha firmato un accordo di due anni e punta vincere il titolo. ESPNF1 riporta le sue parole su questi temi: “Questo è un nuovo progetto ed essere parte di una partnership leggendaria come quella fra McLaren e Honda non è una cosa che può durare un solo anno. Io guardo avanti ad un prospettiva che non riguarda il singolo anno. Non possiamo parlare del contratto nel dettaglio, ma si tratta di qualcosa che va oltre alla sola stagione. Sono qui per competere e per lottare per il campionato del Mondo, e se ciò non avverrà nel 2015, forse succederà nei prossimi anni. Spero di restare qui ancora a lungo a termine”.