MotoGP, Jorge Lorenzo: “Nessuno immaginava Valentino Rossi così affamato!”

Jorge Lorenzo
Jorge Lorenzo (getty images)

Secondo i primi pronostici il Mondiale 2015 di MotoGP sarà una lotta a tre fra Marc Marquez, Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, salvo sorprese dal Ducati Team o dall’ormai ‘eterno emarginato’ Dani Pedrosa.

Il pilota maiorchino della Yamaha nel campionato appena trascorso ha chiuso alle spalle del campione di Tavullia, deludendo le aspettative di quanti lo avrebbero voluto vedere lottare fianco a fianco con Marquez.

Ma nel 2015 l’ago della bilancia sarà proprio la Honda ufficiale di Marc Marquez, l’uomo da battere per ambire al titolo iridato, un’impresa assai ardua per chiunque se il campione in carica proseguirà su certi livelli e la casa di Iwata non riuscirà a colmare il gap.

Prossimamente Jorge Lorenzo sarà in Messico per un po’ di relax insieme alla famiglia, ma senza mai trascurare gli allenamenti. Poi da gennaio ogni giornata sarà riservata agli allenamenti per arrivare ai primi test di febbraio in pienissima forma.

 

 

Jorge Lorenzo a caccia del quinto titolo iridato

Il Mondiale 2014 è iniziato in maniera pessima anche per colpa degli infortuni subiti nella stagione 2013. “Abbiamo iniziato molto male, ma a poco a poco abbiamo ricostruito i pezzi del puzzle e siamo tornati alle dinamiche per tornare regolarmente sul podio”, ha detto Jorge Lorenzo in un’intervista al quotidiano spagnolo ‘Marca’.

 

Del resto la moto è migliorata nel corso della stagione e ci sono ampi margini di miglioramento… “La moto è più fluida, molto più facile da guidare, è stata migliorata grazie all’elettronica, ha migliorato l’entrata di curva… ma su alcune cose la Honda è ancora superiore. In alcune aree siamo superiori a loro, ma complessivamente ci mancano due o tre decimi”.

 

La speranza per il 2015 è che la Honda abbia qualche piccolo difetto come dimostrato nei test di Valencia, poi dovrà fare i conti con il suo compagno di squadra Valentino Rossi, intenzionato a vincere il decimo titolo iridato dopo una stagione su grandi livelli: “Nel 2013 ho sempre detto che avrei fatto meglio di Valentino Rossi.  A 35 anni nessuno immaginava che in questa stagione avrebbe potuto vincere due gare e salire diverse volte sul podio. Ha una grandissima motivazione che lo spinge a dare sempre il massimo – ha sottolineato Jorge Lorenzo -. E’ una motivazione per me e tutti gli altri piloti”.