Formula1, Ferrari: arriva anche Bob Bell

Sergio Marchionne, presidente della Ferrari (Getty Images)
Sergio Marchionne (Getty Images)

La rivoluzione di Sergio Marchionne prosegue in casa Ferrari. Secondo alcune indiscrezioni riportate da La Gazzetta dello Sport, rivelano che la scuderia di Maranello è pronta ad accogliere Bob Bell nel proprio team. Si tratta dell’ex direttore tecnico della Mercedes, dimessosi ad aprile e subito cercato dall’allora team principal ferrarista Stefano Domenicali e poi anche dal suo successore Marco Mattiacci.

L’arrivo in Ferrari di Bob Bell sembra cosa fatta. Non è ancora stato svelato quale ruolo andrà a ricoprire ma l’ingegnere irlandese pare che sarà operativo solo dal marzo 2015 nonostante in realtà possa fin da subito operare presso un’altra scuderia. Si tratta di una persona che ha grande esperienza essendo in Formula1 dal 1988. Ha lavorato con McLaren, Benetton, Jordan, Renault oltre che con la già citata Mercedes.

Prosegue dunque la ‘campagna acquisti’ nel nuovo presidente della Ferrari che ora sembra intenzionato a sollevare dal suo incarico Nicholas Tombazis, colui che ha progettato le monoposto delle ultime stagioni e anche quella del 2015. Sergio Marchionne sta studiando la strategia migliore per allontanarlo visto che il greco ha un contratto che appare blindato. Per la sua sostituzione è già pronto Simone Resta, figura già presente nel team e che ha collaborato alla progettazione dell’auto del 2015. Ma si parla anche del possibile arrivo di Rob Marshall, capo progettista della Red Bull e braccio destro di Adrian Newey.

La Ferrari avrà un team completamente rivoluzionato per il 2015 e la speranza è che i nuovi innesti aiutino il Cavallino Rampante a tornare in alto dopo una stagione molto deludente. Sebastian Vettel ha riportato entusiasmo a Maranello, ma il tedesco quattro volte campione del mondo per vincere ha bisogno che gli venga messa a disposizione un’auto all’altezza di competere con Mercedes, Williams, Red Bull e McLaren. Tornare vincenti fin da subito sarà difficile, ma è importante intraprendere la strada giusta.