Alex Marquez: “Avere Marc al mio fianco è un onore, ma…”

Alex Marquez (Getty Images)
Alex Marquez (Getty Images)

Il campione del mondo di Moto3 Alex Marquez è “consapevole di essere cresciuto” dopo la conquista del prestigioso titolo, ma sa anche che ha davanti a sé “una strada ancora lunga da percorrere”. E’ quanto ha dichiarato nel corso di una visita alla agenzia EFE, con cui ha fatto un bilancio della stagione appena trascorsa e messo a fuoco gli obiettivi per il 2015.

“Il mio sogno ad inizio stagione stava raggiungendo l’ultimo terzo della stagione con opzione per il titolo mondiale e alla fine ci siamo riusciti, ma è anche vero che il mio obiettivo e la squadra è stato quello di finire tra i primi tre e tutto ciò che è venuto a da lì è stato molto buono”.

 

L’eterno confronto con il fratello “superstar”

Il giovane spagnolo ha chiuso il Motomondiale 2014 nel migliore dei modi possibili: “Il mio obiettivo – e anche quello del mio team – era finire tra i primi tre… Alla fine abbiamo vinto e questo è un motivo più che sufficiente per essere felici”, ha dichiarato ai giornalisti.

Alex Márquez non ha alcun problema ad essere paragonato al fratello Marc, quattro volte campione del mondo e autentica leggenda della MotoGP. “Marc gareggia nella MotoGP, sta due gradini sopra di me e proprio per questo è un punto di riferimento importante. Ho la fortuna di potermi allenare e confrontare con lui”, ha spiegato con un sorriso, spiegando che “averlo al proprio fianco è un onore, anche se ti costringe sempre a dare il massimo”.

Dopo aver realizzato il sogno di diventare campione del mondo, Alex Marquez ha esordito al Gran Premio della Comunità Valenciana in sella alla Kalex del team Marc VDS (nel 2015 sarà infatti compagno di squadra del campione del mondo Esteve “Tito” Rabat), per cui già può esprimere le sue prime valutazione rispetto alla nuova moto. “Abbiamo effettuato tre test e sono molto contento… la nuova moto ha il doppio della potenza e del peso, e occorre un poco abituarsi, ma ci sarà da divertirsi”, assicura il pilota della Estrella Galicia. “E’ importante anche l’atmosfera che si respira con la nuova squadra… un team di grandi professionisti che lavorano tutti nella stessa direzione. Proprio questo sarà fondamentale per il futuro”.

Il passaggio alla Moto2

Il 2015 segna ufficialmente il passaggio di Alex Marquez alla Moto2: “una categoria difficile”, dice il giovane pilota. “C’è molto da imparare – spiega – , e dovrò dare il massimo per ottenere risultati… si tratta di apprendere per migliorare, senza preclusioni di alcun tipo…”. E aggiunge: “tutti abbiamo cominciato con l’intenzione di vincere e di diventare campioni del mondo. La cosa positiva è che, rispetto alla Moto3, la Moto2 è molto più congeniale alla mia corporatura”.

Infine, sempre a proposito degli obiettivi per il 2015, Marquez assicura che “se nella prima metà riusciremo a salire sul podio e già nel primo anno riusciremo a vincere qualche gara, credo che le aspettative saranno soddisfatte”. Lo vedremo a breve…