MotoGP, Paolo Ciabatti: “Andrea Iannone ha un talento enorme”

Andrea Iannone (getty images)
Andrea Iannone (getty images)

C’è grande attesa tra i tifosi della Ducati per vedere all’opera la nuova Desmosedici GP15 interamente progettata da Gigi Dall’Igna e il nuovo beniamino Andrea Iannone che, dopo due stagioni in sella al team satellite Pramac, salterà sulla moto ufficiale.

Nel Mondiale MotoGP appena trascorso il pilota abruzzese ha dimostrato di avere i numeri giusti per essere in prima fila e lottare con i big, a patto che la Rossa sia all’altezza della situazione.

 

 

Ducati dà piena fiducia al pilota di Vasto

Andrea Iannone ha ricevuto un trattamento da pilota ufficiale già nell’ultimo campionato, ricevendo in consegna l’evoluzione della GP14 al posto dell’ormai dimissionario Cal Crutchlow. A Valencia e a Jerez il pilota di Vasto ha potuto provare ulteriori aggiornamenti girando su tempi degni di nota. Un modo per ricompensare la grande fiducia che la Casa di Borgo Panigale gli ha sempre riservato.

 

“Un anno fa ho dovuto insistere molto per far valere la nostra opzione su di lui nel 2014, anche perché le sue prestazioni nel 2013 non erano sempre state così positive – ha confessato Paolo Ciabatti in un’intervista a Speedweek.de -. Tuttavia non dobbiamo dimenticare che innanzitutto l’anno scorso la moto aveva diversi problemi, e poi Andrea era nella sua stagione da rookie. Aveva fatto qualche caduta ed era anche stato operato. Ma io sono sempre stato convinto del fatto che Andrea abbia un talento enorme. E nel 2014 abbiamo visto tutti la sua costante crescita”.

 

Ovviamente gli errori non sono mancati negli ultimi mesi, ma Andrea Iannone è riuscito a trarre sempre il massimo da una moto satellite nettamente inferiore alle avversarie: “Certo, in questa stagione gli è capitato ancora di fare qualche errore, ma a chi non succede? Andrea nel 2014 ha fatto vedere quello che mi aspettavo nei miei sogni, ed io gli do pieno merito per questi risultati – ha aggiunto il Direttore Sportivo di Ducati Corse -. Sono contento di ciò che è riuscito a realizzare”.