MotoGP, Shuhei Nakamoto: “La Yamaha è più veloce della Honda”

Marc Marquez
Marc Marquez a Valencia (getty images)

Dopo i test di Valencia e Sepang il team LCR Honda di Lucio Cecchinello è al lavoro per allestire una moto ad alte prestazioni, in attesa dei primi test prestagionali MotoGP che si terranno agli inizi di febbraio.

Il boss della Honda, Shuhei Nakamoto, in un’intervista a MCN, ha spiegato i dettagli della prossima Honda RC213V Factory su cui saliranno il rookie Jack Miller, vice campione del mondo in Moto3, e il pilota britannico Cal Crutchlow, che ha lasciato la Ducati dopo una stagione deludente.

 

 

Honda vs Yamaha, la sfida continua nel Mondiale 2015

“Ad inizio stagione Cal (Crutchlow, ndr) e Scott (Redding, ndr) avranno una moto che sarà una via di mezzo tra quella di Marc (Marquez, ndr) e Dani (Pedrosa, ndr) – ha detto Shuhei Nakamoto a MCN – Per quanto riguarda il discorso aggiornamenti, questi non arriveranno solo in base ai risultati, ma dobbiamo aspettare di capire cosa vogliono i piloti. Abbiamo bisogno di un minimo di tre gare per capire cosa vogliono e questo è il motivo per cui daremo loro una specifica diversa per iniziare. Il motore invece sarà lo stesso di Marc e Dani. E’ sul telaio che dobbiamo lavorare per trovare un compromesso, visto che Marc utilizza un setting molto particolare e che solo lui riesce a sfruttare”.

 

Fatto sta che anche la Honda ufficiale dovrà rivedere alcuni dettagli del motore per tenere a distanza le Yamaha M1 di Jorge Lorenzo e Valentino Rossi. In un’intervista rilasciata a Motosprint al termine dei test di Valencia Shuhei Nakamoto ha confessato: “Entrambi i piloti ufficiali dicono che l’accelerazione è troppo aggressiva” e si dovrà quindi migliorare la velocità di percorrenza in curva, dove le Yamaha sembrano avere qualcosa in più.

“Tutti i nostri piloti, e non solo Marc, ci hanno chiesto più velocità di percorrenza in curva, oltre che una erogazione più dolce, ma fino ad ora non siamo riusciti a fare alcun miglioramento in questo ambito – ha confessato il manager HRC -. Il risultato è che la Yamaha è ancora più veloce della nostra moto”. Sarà solo scaramanzia?