F1, Sebastian Vettel: “Essere a Fiorano con la Ferrari è magico”

Sebastian Vettel (Getty Images)
Sebastian Vettel (Getty Images)

Sebastian Vettel dopo la fine del Mondiale 2015 di Formula1 ha detto addio alla Red Bull e si sta gettando a capofitto nella sua nuova avventura in Ferrari. Sabato ha effettuato il primo test a Fiorano sulla F2012, mentre ieri ha lavorato in fabbrica al simulatore con la F14T.

Il tedesco ha portato grande entusiasmo in tutto il team e lui stesso è felice per questa sfida importante e difficile che lo attende. La rossa è sempre stata un suo sogno e l’idea di riuscire a vincere con una scuderia così blasonata, come ha fatto il suo connazionale Michael Schumacher, lo affascina molto e lo ha spinto ad approdare a Milanello.

Per il 2015 puntare a vincere sarà difficile, ma la Ferrari ha il dovere di mettere a disposizione dei propri piloti una vettura in grado di essere comunque migliore di quella vista nel 2014 per poter competere a posizioni che siano in più possibili vicine al podio.

 

Sebastian Vettel felice dei suoi primi contatti con il mondo Ferrari

Il quattro volte campione del mondo ai microfoni di AutoSport ha espresso tutta la sua felicità per questi primi giorni passati da ferrarista: “Ci sono un sacco di favole sulla Ferrari e su come sia guidare una macchina rossa. Alla fine posso solo confermarle. Non è solo una storia. È una vera leggenda vivente. Ed è davvero, davvero speciale entrare a farne parte e sedersi in macchina, vedere i tifosi correre verso la pista e cercare di scavalcare i muri per vedere la macchina. C’è di sicuro qualcosa di molto magico e quello che è successo oggi non lo dimenticherò mai”.

Sebastian Vettel ripesca alcuni ricordi dal passato e si emoziona pensando di essere approdato finalmente in Ferrari: “Ricordo di essere stato qui tanto, tanto tempo fa quando ero bambino e cercavo di vedere oltre le recinzioni“, ha aggiunto il tedesco. “Quindi essere qui ufficialmente come parte del team, è una sensazione fantastica avere la possibilità di guidare la macchina e conoscere il team. È stata un’esperienza unica. Ovviamente è un colore molto diverso per me. Tutti sono vestiti di rosso, ogni cosa è rossa, ma è davvero qualcosa di speciale e non vedo l’ora di affrontare le sfide che ci aspettano nei prossimi anni”.

Da segnalare che oggi Sergio Marchionne a Fiorano ha incontrato Maurizio Arrivabene, nuovo team principal, per passargli di persona le redini della gestione sportiva della scuderia dopo il licenziamento di Marco Mattiacci.