Storedot: la batteria che ricarica auto e smartphone in pochi secondi (VIDEO)

Un dispositivo in grado di ricaricare un telefonino in pochi secondi, e un’auto elettrica in una manciata di minuti. Lo ha messo a punto StoreDot, un’azienda israeliana specializzata nell’utilizzo di nanotecnologie per sintetizzare molecole artificiali: la rivoluzionaria batteria, capace di immagazzinare un’enorme carica elettrica in tempi da record, funziona di fatto come una “spugna” superdensa che assorbe e trattiene l’energia.

Al momento il prototipo è troppo ingombrante per un telefonino, ma i suoi produttori assicurano che entro il 2016 lanceranno sul mercato un modello più leggero e versatile capace di ricaricare uno smartphone in appena 30 secondi.

Come funziona

L’innovazione si basa sulla creazione di “nanodots’, che StoreDot descrive come molecole peptidiche bio-organiche. I nanodot alterano le modalità di funzionamento della batteria per consentire il rapido assorbimento e, soprattutto, la conservazione dell’energia.

“Si tratta di materiali nuovi, mai sviluppati prima d’ora”, spiega Doron Myersdorf, fondatore e ceo di StoreDot, che tra i suoi investitori annovera il miliardario russo (nonché proprietario del Chealsea F.C.) Roman Abramovich.

La società ha accolto 48 milioni di dollari in due campagne di finanziamento, ottenendo tra l’altro il sostengo di un importante operatore telefonico (Myersdorf non ha voluto fare nomi, ma ha lasciato intendere che è un gruppo asiatico).

Secondo alcune stime il numero di utenti di smartphone raggiungerà quest’anno quota 1,75 miliardi, per cui StoreDot vede grandi opportunità di mercato, e alcuni esperti ritengono che la sua tecnologia possa essere la carta vincente.

Secondo Myersdorf, un telefonino ricaricabile in tempi così veloci costerebbe tra i 100 e i 150 dollari in più rispetto ai modelli attuali, e sarebbe in grado di assicurare 1.500 cicli di carica/discarica, pari a circa 3 anni di funzionamento.

La speranza è quella di sfruttare la stessa tecnologia per creare una batteria per autovetture in grado di ricaricarsi in due-tre minuti (i modelli attuali richiedono solitamente diverse ore).

 

(Getty Images)
(Getty Images)