MotoGP Yamaha, Silvano Galbusera: “L’obiettivo di Valentino Rossi è il 1° posto a fine stagione”

Uno degli ospiti d’eccezione del Monza Rally Show 2014 è stato indubbiamente Silvano Galbusera, che per l’occasione si è tolto i panni di capotecnico di Valentino Rossi per indossare quelli da spettatore, proprio come il numero uno della Yamaha Lin Jarvis. “Il Monza Rally è una corsa molto spettacolare, inoltre ci sono tanti campioni e molti appassionati di questo sport – ha dichiarato l’ingegnere in un’intervista ai colleghi di GPOne.com -. Adesso che la stagione sulle due ruote è finita, è un modo per rimanere sempre vicini ai motori”. Ma la verità – ammette Galbusera – è che lui e il Dottore sono ormai “inseparabili”…

Silvano Galbusera (Getty Images)
Silvano Galbusera (Getty Images)

Dal Monza Rally al prossimo Motomondiale

Il primo commento è sulla Prova Speciale 5 ‘Pit Lane’ di oggi, che ha visto Rossi trionfare dopo un confronto serrato con il polacco Robert Kubica. “Anche in questa occasione Valentino non ha vita facile – spiega Galbusera a GPOne.com – . E’ sicuramente un bel testa a testa quello con Kubica, dove sono staccati da pochi secondi…”.

Poi l’attenzione si sposta inevitabilmente sull’esperienza di quest’anno con la Yamaha. “C’era qualche dubbio da parte del pubblico – dice riferendosi al ‘cambio’ voluto da Valentino – , però alla fine hanno parlato i risultati. Penso sia stata un’annata molto favorevole. Valentino si è messo subito in testa che doveva nuovamente dare del filo da torcere e, passo dopo passo, siamo riusciti ad arrivare a un traguardo importante”.

Quanto ai propositi per il Motomondiale 2015, conferma che “l’obiettivo non può che essere ottenere il primo posto a fine stagione”.

I primi test, d’altra parte, lasciano ben sperare: “Abbiamo trovato una moto competitiva – assicura l’ingegnere -, anche se sono convinto ci siano importanti margini di crescita”. “Nella MotoGP ogni minimo aspetto fa la differenza – sottolinea -, anche perché il solo pilota non basta. In Spagna abbiamo lavorato su alcuni particolari, su cui avremo dei miglioramenti in vista dei test di Sepang”.

L’intenzione è quella di lavorare “sulla staccata e sul cambio seamless”, tenendo presente che l’elettronica è “un fattore fondamentale in questa MotoGP”.

“Dobbiamo arrivare preparati ai primi test del 2015 – conclude -, per iniziare il prossimo campionato tenendo da subito testa alla Honda”.