F1, Sebastian Vettel: “Ferrari, non vedo l’ora di cominciare”

Sebastian Vettel
Sebastian Vettel (getty images)

La gara di Sebastian Vettel ad Abud Dhabi, l’ultima sul sedile di una Red Bull prima del passaggio in Ferrari, partiva in salita dato che lui e Daniele Ricciardo hanno dovuto partire dalla pitlane per alcune irregolarità della vettura nelle qualifiche del sabato. Ma per come si era messa e osservando anche quello che è stato il rendimento dell’australiano, il tedesco poteva fare qualcosa di meglio dell’ottavo posto.

La causa del risultato deludente va individuata nelle difficoltà avute ad effettuare alcuni sorpassi, in particolare sulla McLaren di Kevin Magnussen, che gli hanno fatto perdere molto tempo e alla fine il distacco al traguardo rispetto al compagno di team, giunto quarto, è stato di ben 35 secondi.

 

Sebastian Vettel concentrato sulla Ferrari

Il quattro volte campione del mondo ha commentato esprimendo delusione il risultato ottenuto nel Gran Premio di Abu Dhabi corso sul circuito di Yas Marina: “Sento che si poteva fare di più, ma una volta che sono rimasto bloccato alle spalle di Kevin a inizio gara è stato abbastanza difficile, quindi non posso essere del tutto contento oggi. Quando corri vuoi finire il più in alto possibile e oggi penso che avevamo il passo per finire più avanti”.

Sebastian Vettel mette in archivio la stagione 2014 ed è concentrato sul suo futuro in Ferrari. Una nuova avventura che gli dà molti stimoli perché la scuderia vuole tornare a vincere e lui spera di essere l’uomo giusto per raggiungere l’obiettivo. Queste le sue parole a richlandF1.com in merito all’argomento: “Attualmente sono contento che la stagione sia finita, non è stata una stagione buona per noi ovviamente, non vedo l’ora di iniziare l’anno prossimo con la Ferrari. Le attese per il 2015? Ora sono appena uscito dalla macchina quindi è un po’ difficile rispondere ma credo che ci sia molto da fare e molte cose che devo imparare perché ancora non conosco il team, credo che cercheremo di iniziare da capo per costruire qualcosa, sperando che molto presto saremo competitivi insieme e in grado di vincere campionati e corse“.

Infine il pilota tedesco ha voluto rivolgere un pensiero alla Red Bull con cui ha vinto molto in questi anni: “Non sono il ragazzo più felice, non è stata una grande stagione, ma gli ultimi sei anni sono stati un’avventura incredibile e non avrei mai pensato di vincere quattro titoli di fila. “Finisci con il conoscere bene le persone e stringi amicizie che dureranno a lungo. Passi attraverso giorni felici e giorni tristi, li affronti insieme e penso di aver imparato un sacco. Sono pronto per il prossimo passo. Vorrei ringraziare la Red Bull e il team per tutto quello che hanno fatto, mi mancheranno”.