Ferrari F1, John Elkann: “Il 2015 credo sia ormai andato, si riparte dal 2016”

Sergio Marchionne e Lapo Elkann
Sergio Marchionne e John Elkann (getty images)

La notizia dell’addio di Fernando Alonso alla Ferrari e l’ufficializzazione dell’arrivo di Sebastian Vettel ha fatto il giro del mondo nel giro di brevissimo tempo. Un argomento che ha tenuto banco per tutto il giorno e di cui ha parlato anche il presidente della Juventus John Elkann, a margine della conferenza stampa del rinnovo dei contratti di Giorgio Chiellini e Gianluigi Buffon.

 

Nessuna speranza per il Mondiale di F1 2015?

Da notare che John Elkann aveva lanciato toni speranzosi al momento dell’addio di Luca Cordero di Montezemolo, sostituito da Sergio Marchionne. Ma dopo due mesi l’ottimismo sembra già essere svanito e si guarda al 2015 con crudo realismo. Lo scorso 12 settembre, in occasione del GP di Misano, il presidente della Fiat aveva ammesso: “Spero che la Ferrari e la Juventus vincano assieme magari già l’anno prossimo, da una parte il mondiale e dall’altra la Champions League”.

 

Invece nella giornata di ieri le speranze sembrano essere state riviste… “Sono sicuro che la Ferrari attraverso Marchionne e le persone che assumeranno ruoli di leadership nella gestione sportiva avranno ben chiaro quello che dovrà essere il percorso per riportare il Cavallino in cima al mondo – ha spiegato John Elkann -. Sarà un percorso, però, che non potrà che partire dal 2016, perché credo che il 2015 sia ormai andato – ha aggiunto -. Ci vorrà un po’ di pazienza per tornare a vedere la Ferrari in cima al mondo”.

Parole che hanno l’effetto di un pugno nello stomaco per i tifosi più appassionati del Cavallino, molti dei quali scontenti dell’addio di Fernando Alonso. “C’è ancora una gara per finire la stagione, sono sicuro che la Ferrari attraverso Marchionne e le persone che assumeranno ruoli di leadership nella gestione sportiva avranno chiaro e ben definito quale dovrà essere il percorso per riportare la Ferrari in cima al mondo”, ha concluso John Elkann in una nota riportata da Adnkronos. E speriamo che prima (2015) o poi (2016) si ritrovi la giusta strada della vittoria!