F1, Nico Rosberg: “Dobbiamo migliorare. Spero nell’aiuto di Bottas”

Nico Rosberg (getty images)
Nico Rosberg (getty images)

Nico Rosberg nelle due prime sessioni di prove libere del Gran Premio di Abu Dhabi, ultima tappa del Mondiale di Formula 1, è terminato secondo alle spalle di Lewis Hamilton. I due compagni di team alla Mercedes sono i due contendenti per il titolo finale e al momento in vantaggio c’è l’inglese con 17 punti in più in classifica ed un passo di gara superiore a quello del rivale.

Il distacco sul miglior giro tra i due è di meno di 1 decimo dopo le FP2, ma il ritmo di Lewis Hamilton ha impressionato in questa prima giornata. Nico Rosberg con la sua squadra è chiamato a recuperare un gap abbastanza importante in pochi giorni.

 

Nico Rosberg chiede aiuto per la gara

Il pilota tedesco nonostante il secondo posto ed un passo gara inferiore rispetto al compagno rimane comunque fiducioso e ottimista. Infatti guarda il lato positivo di queste prime prove libere: “Devo migliorarmi un po’, non ho fatto un giro ottimo, ma mi trovo bene e il week-end è iniziato bene. Io e Lewis siamo vicini, tutto è possibile. Purtroppo gli altri sembrano lontani, però spero ancora che si possano avvicinare, magari Bottas”.

Nico Rosberg in ottica gara pensa alla necessità di avere una vettura che possa mettersi tra lui e Lewis Hamilton nel caso in cui riuscisse ad andare in testa. Non gli basta vincere la corsa per aggiudicarsi il titolo se il britannico arriva secondo, invece con la terza piazza il discorso cambia radicalmente. Questa volta ha indicato in Valtteri Bottas il candidato ideale, ma già di Felipe Massa disse lo stesso a Interlagos. In questo momento, però, non c’è nessuno che sembra in grado di competere con le Mercedes pensando anche di potersi mettere tra loro.

Il figlio d’arte deve comunque pensare innanzitutto di riuscire a fare meglio del rivale già da domani. Il suo team è chiamato a fare gli straordinari per consentirgli di giocarsi le sue chance per il titolo. Sicuramente servirà anche un po’ di fortuna, ma questa a volte bisogna anche sapersela creare.