Motomondiale, Alex Marquez: “Ho vinto perchè me lo sono guadagnato”

Alex Marquez (getty images)
Alex Marquez (getty images)

Alex Marquez ha debuttato nel Motomondiale in qualità di wildcard nel 2012 e in breve tempo è riuscito a conquistare il titolo mondiale, dopo il quarto posto dello scorso anno. In questa stagione ha collezionato appena tre vittorie (Catalogna, Olanda e Giappone) e sette podi, quanto basta per vincere l’agguerrita concorrenza di Jack Miller, vincitore di sei gare oltre a quattro podi. Una vittoria storica anche perchè giunta in concomitanza con quella di suo fratello Marc.

 

Alex Marquez e il peso del suo cognome

In una lunga e interessante intervista a Motocuatro Alex Marquez ha parlato del campionato appena trascorso e del rapporto con suo fratello Marc Marquez, inseparabile compagno di vita e di allenamenti.

“Marc mi ha aiutato molto, però a volte devo dire che mi faceva innervosire (ride, ndr). Veniva la notte e gli dicevo “dai Marc parliamo domani, ora vado a dormire”. Quello che lui mi dice sempre è che la cosa fondamentale in sella è divertirsi. Poi a Valencia mi ha trasmesso tanta fiducia – ha aggiunto Alex -, una cosa importantissima quando ti giochi tutto nella gara finale e mi ha dato tanti consigli soprattuto per come affrontare la corsa”.

Alex Marquez ha appreso da suo fratello a dare sempre il massimo in ogni occasione, ma spesso ha dovuto fare i conti con il suo cognome… “So benissimo che molte persone pensano che io sia qui solo perché sono il fratello di Marc, ma ho cercato sempre di non pensarci, di non polemizzare mai e di concentrarmi solo sul lavoro – ha detto il campione della Moto3 -. La cosa importante è che le persone più vicine, quelle che davvero contano, credono in me. So bene che sono dove sono perché me lo sono guadagnato in pista con i miei risultati. E ora aver vinto questo titolo – ha concluso Alex Marquez – mi fa essere al settimo cielo”.